Il paese ha bisogno di tutto tranne che di elezioni anticipate. Lo ha ribadito il premier Silvio Berlusconi nel fare gli auguri agli italiani per il nuovo anno nel corso di una telefonata al Tg5.  “Il Parlamento ha votato la fiducia al governo 2 volte in due mesi – ha ricordato – e tutti, dalla Chiesa cattolica agli imprenditori, ci chiedono di fare ogni sforzo per evitare le elezioni. In Parlamento troveremo le condizioni per portare a termine il nostro programma”.

”L’Italia ha bisogno di governo e stabilità e di un rapporto più sereno tra le forze politiche, di coesione sociale e fiducia nel futuro”. Il premier fa gli auguri di buon anno agli italiani e indica i prossimi obiettivi del programma, dalla riforma fiscale (con il quoziente familiare), a quelle istituzionali per rafforzare l’esecutivo e modificare l’attuale bicameralismo perfetto (anche riducendo il numero dei parlamentari).   E tutto ciò partendo dal presupposto che il governo “ce la può fare” ad andare avanti per chiudere la legislatura a scadenza naturale. In questo quadro, auspica un rapporto più sereno tra maggioranza ed opposizione che consenta decisioni condivise sulle riforme. “Per il resto noi dobbiamo continuare a governare e ad amministrare”, aggiunge ricordando gli impegni di politica estera e l’importanza del piano energetico.  Per quanto riguarda i risultati ottenuti, il Cavaliere cita il federalismo, la riforma dell’Università ed i “risultati straordinari” nei campi della sicurezza, della lotta alla criminalità e all’immigrazione clandestina.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gentile Di Pietro, non ci prenda per i fondelli

prev
Articolo Successivo

Ciò che vi auguro per il 2011

next