Il 24 dicembre 2005 Berlusconi riceve come dono di Natale la famosa intercettazione Fassino-Consorte: “Allora siamo padroni di una banca!” Intercettazione segreta e non ancora trascritta neanche per i magistrati. Una settimana dopo si scatena la campagna mediatica del Giornale che contribuirà a minimizzare la vittoria di Romano Prodi alle elezioni politiche. Cinque anni dopo, il 16 dicembre 2010, la Procura di Milano chiede per Silvio Berlusconi l’archiviazione dell’inchiesta per i reati di ricettazione e concorso in rivelazione di segreti d’ufficio, mentre per il fratello Paolo chiede il rinvio a giudizio per i reati di concorso in rivelazione e utilizzazione del segreto d’ufficio, in qualità di editore del Giornale.

Berlusca, Berluschino e ti depenno

Siamo ad Arcore, in villa, verso sera,
un lustro fa, Natale è ormai vicin
e proprio natalizia è l’atmosfera.
Sotto l’albero dorme l’omarino

quando irrompe Paolino, suo fratello:
Silvio, guarda c’è qui il bambin Gesù
che ti ha portato sotto l’alberello
il dono che ti piacerà di più:

un’intercettazione ancor segreta
nella quale un Fassin, non più morente,
dice a Consorte con la voce lieta:

Oggi abbiamo una banca, finalmente!

Sotto l’albero ornato con le pall
che da sempre racconta, il Capellone
balza in piedi e buttando via lo scialle
fa all’amato fratello un cazziatone:

Quel dono non lo voglio! Dì a Gesù
che alle intercettazioni son contario
ed a quelle illegali ancor di più.
Invitalo a cambiar destinatario
”.

Coi tappi nelle orecchie e gli occhi chiusi
non ascoltò quell’intercettazione
la qual poi giunse per motivi astrusi
del Giornale all’attenta redazione.

Ha tutte le ragioni la Procura
per non perseguitare il Cavaliere
e solo di Paolin prendersi cura.
Da sempre dei suoi amici son le schiere

ad espiare tutte le sue colpe:
il magistrato Metta, Cesarone,
Dell’Utri, Mills, Saccà, Paolin la volpe.
I caimani non vanno mai in prigione!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Verdini e Fusi indagati per tentato abuso d’ufficio per terremoto e G8

next
Articolo Successivo

G8 Genova, giudici appello: “De Gennaro mentì per salvarsi”

next