Sul Fatto online di sabato 27 e seguenti, Massimo Fini nel suo post La rivolta dei nuovi sudditi, dedicato al paragone tra il nuovo movimento degli studenti e quello del ’68, conclude sommaria/mente nel modo seguente.

“Col sessantotto non c’è nessun parallelo. I ‘sessantottini’ erano figli annoiati della borghesia che cavalcavano, grottescamente, un’ideologia morente, il marxismo leninismo, e in piazza non ci andavano con le uova ma con le spranghe. Questi son giovani non ideologizzati che lottano per il loro futuro e le loro legittime aspettative di carriera. Quelli, figli della borghesia, invece scendendo in piazza la carriera se la preparavano. Tanto è vero che sono diventati tutti, come minimo, direttori del ‘Corriere della Sera’.”

Preferendo sorvolare sui parallelismi tra il movimento del 2010 e quello del 1968, contesto subito a MF che non basterebbe un’enciclopedia per delinearli e differenziarli tutti. Se è pur vero che la maggioranza di noi era figlia della borghesia, grande o piccola che fosse, visto & considerato il consistente numero di studenti lavoratori, si capisce come ci fossero anche i figli delle classi meno abbienti, i quali l’università la utilizzavano per sostenere gli esami e basta!

Non è vero che tutti noi cavalcassimo “grottescamente un’ideologia morente, il marxismo leninismo” – visto che la maggioranza silenziosa degli studenti si guardava bene dal far politica, e considerando anche che, mentre les copains d’abord favoleggiavano di lotte proletarie persino armate, il sottoscritto studiava Freud & McLuhan dedicandosi per sovrammercato alle carceri, agli ospedali psichiatrici e via discorrendo.

Mi sto riferendo alla sarà famosa libera & sociologica Università di Trento, frequentata da teste pensanti diversissime tra loro come per esempio Mauro Rostagno, Renato Curcio & altri, dalle impostazioni ideologiche dei quali si dipanarono diverse organizzazioni rivoluzionarie o tornacontiste, come le toste Brigate Rosse e la vana Lotta Continua – insieme sì, ma separatamente anche! E nonostante codeste rumorose eclatanze, il grosso, la maggioranza degli studenti soprattutto quelli lavoratori, badava a studiare e a impostare le proprie, “legittime aspettative di carriera”– come acuta/mente osserva MF.

Il fatto che questa maggioranza silenziosa & pacifica nemmeno si menzionasse mentre si stra/parlava e si over/scriveva della minoranza esagitata – della quale anch’io, benché da posizioni anomale separate & distinte, feci pur parte – risiede nell’as/satanamento bavoso dei media italiotti ripresi addirittura da McLuhan in persona dalla Biennale di Venezia del 1977, e dalle buone & alte o basse borghesie milanesi, torinesi, romane e chi più ne ha più ne metta, le quali, invitando nei loro salotti i più esagitati di noi, non volevano sentir cianciare che di rivoluzione.

Quanto poi al paragone che fa MF, tra le uova portate in piazza dagli studenti di oggi e le supposte spranghe indistintamente attribuite agli studenti di ieri, mi dispiace deluderelo affermando che a Trento – dove il nostro movimento antiautoritario non era equiparabile ai metodi maneschi di Capanna con i suoi katanga statal milanesi – talvolta usammo bastoni vessilliferi, ma nemmeno una volta la benché minima ombra di spranghe & affini.

Il fatto che alcuni di noi con particolare riferimento ai celebri avventuristi & opportunisti lottatori continui, ricercassero nel glamour di una contestazione del tutto spettacolare i modi di ripianarsi carriere lobbistiche e quant’altro, non significa affatto che tutti noi altri ci si sia comportati nello stesso modo. Come per esempio ricalca rincarando Renato Curcio nella seguente dichiarazione:

Lotta Continua è uno dei giornali che plaude all’azione contro Calabresi e in qualche modo la costituisce, la costruisce tanto quanto la Sinistra Proletaria, giornale che in quel momento dirigevo io, tanto quanto il giornale che dirigevano Piperno & Scalzone [Potere Operaio, nda]. Allora io dico che Mauro Rostagno non ha una responsabilità maggiore o minore di qualcun altro, Mauro ha la stessa responsabilità che abbiamo tutti noi. Però il problema di fondo è: assumersi o no quella responsabilità. Ora, io me lo sono assunta dicendo che sono una delle persone responsabili di quel fatto e ritengo di aver fatto bene a dire le cose che ho detto e mi assumo gli esiti di quel tipo di cose. La stessa cosa ha fatto Scalzone, la stessa cosa ha fatto Piperno, la stessa cosa non hanno fatto i responsabili di Lotta Continua…”

Ciò per dimostrare oltre ogni ragionevole dubbio, che non tutte le erbe sono convertibili in fasci e/o lobby, magari per giungere a indebite generalizzazioni che, se da una parte disinformano proprio coloro che vorrebbero in/formare – in questo caso il movimento 2010 degli studenti – dall’altra giustificano agli occhi dei più una ristretta minoranza di profittatori & usurpatori, confondendo il loro comportamento con tutti coloro i quali, io compreso, il sixtyeight and so on, l’han pagato a caro prezzo, e che prezzo!

Senza questo benedetto & stramaledetto sixtyeight, per italiotto che sia stato, saremmo ancora tutti immersi, MF compreso, nell’immota italietta d’allora e, destino non voglia, di nuovo adesso. “Fino a quando, mio Dio?!” – si chiedeva scongiurando Henry Miller a proposito di Arthur Rimbaud, ma non soltanto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’ideologia e i suoi difensori

next
Articolo Successivo

A Palermo ci si laurea come architetto conservatore, ma l’albo professionale non c’è

next