Vorrei porre alla vostra attenzione due motivi per cui il Partito democratico è scoraggiato dall’indire le primarie.

La prima: beati gli Stati Uniti che hanno le elezioni presidenziali e quelle del Congresso ogni 4 anni! Con una certezza e regolarità simile, per loro è una pacchia organizzare le primarie. Anche gli outsider sono avvantaggiati da questo sistema: se non sono un’interna al partito ma voglio ottenere la candidatura nello stato dell’Iowa, mi posso organizzare con addirittura 4 anni di anticipo e ipoteticamente battere il prescelto dal partito (qualora ci fosse).

Invece da noi è il contrario: non si fa in tempo a mandare il segnale d’allarme che si va a elezioni, che subito Berlusconi dice che gli elettori vogliono le (sue) riforme e che quindi non s’ha da fare. Uno non fa in tempo a cascarci, che subito Bossi dice che il popolo padano freme per andare alle urne: scatta il vertice a Palazzo Grazioli e sono tutti nuovamente sull’attenti. In un clima del genere, capirete, il Pd non va biasimato: se le elezioni vengono convocate con poco anticipo, le primarie non fanno altro che rallentare una campagna elettorale che invece deve cominciare da subito con i botti. E anche se può apparire una considerazione partitocratica e distante dai cittadini, Bersani non ha tutti i torti quando invoca prima la coalizione e poi le primarie: con il sistema bipolare attuale, l’alleanza è necessaria e a questa non si può imporre un candidato perché democraticamente eletto dalle primarie di un altro partito.

E fino a qui le considerazioni a favore delle titubanze del Pd nei confronti delle primarie. Ora invece arrivano quelle empatiche, ossia ciniche. Se voi foste un dirigente del Pd, cosa scegliereste fra queste due opzioni:

1. Primarie super aperte, anzi spalancate, nei confronti della cittadinanza e dei movimenti dell’area di riferimento del Pd, per dare vita a una riscossa nazionale e a una strategia vincente, che per forza di cose spazzerebbe via la dirigenza (fallimentare) attuale;

2. Primarie fantoccio, con tanti ma e molti se, che servono come foglia di fico per dire “noi siamo diversi” e deleghiamo la scelta ai cittadini, ma che in realtà eleggerebbero un leader forse con più capelli rispetto all’attuale, o forse no, che servirebbe come nuova faccia per nascondere la continuità di fatto del Pd e della sua dirigenza. La sconfitta in questo caso è garantita.

Io non ho dubbi: se fossi attualmente un dirigente del Pd sceglierei la seconda opzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

La politica italiana è alla curva del portiere

next
Articolo Successivo

B. contro Fini: tregua armata. E in attesa della mossa finale, il Cavaliere rinuncia alla fiducia

next