Sembra che alla voce invalidità tutto sia tornato come prima nella manovra anti-crisi. A quanto pare la Commissione Bilancio di Palazzo Madama ha cassato la disposizione che prevedeva l’innalzamento della percentuale d’invalidità, dal 74 all’85 %, per ottenere l’assegno riservato agli invalidi parziali. Lo rende noto Antonio Azzolini del Pdl, relatore della manovra economica.
Sarà anche perché in questi giorni il senatore azzurro ha detto tutto e il contrario di tutto, ma le associazioni di disabili continuano a non fidarsi e confermano le proteste di piazza in programma per domani a Roma, Milano e Torino.
“Aspettiamo di leggere il testo che uscirà dalla Commissione Bilancio del Senato. Allora sapremo se quella di domani sarà la celebrazione di una vittoria o la continuazione della protesta”.
Così Pietro Barbieri, presidente della Federazione italiana per il superamento dell’handicap (Fish), che insieme alla Federazione tra le associazioni nazionali dei disabili (Fand), ha indetto la manifestazione che si terrà domattina alle 10.30 in piazza Montecitorio a Roma.

Sul sito della Fish infatti si legge che “Ancora non è chiaro se siano decadute anche le altre parti dell’emendamento”. In particolare il passaggio relativo alla revisione restrittiva dei criteri per la concessione dell’indennità di accompagnamento: “Si tratta di 480 euro mensili – spiega Barbieri –   che  la riforma garantirà soltanto a chi è in stato di perenne immobilità”.

In attesa di maggiori informazioni le associazioni dei disabili continuano per la loro strada e, come assicura il leader della Fish, continuano a raccogliere la solidarietà di molti soggetti: “Dai sindacati, al mondo cattolico, ai grandi quotidiani che hanno capito come la retorica di Tremonti sui falsi invalidi sia ipocrita e bugiarda”.

Oltre all’appuntamento di Roma, la manifestazione si svolgerà in contemporanea a Milano, in Piazza Mercanti angolo piazza Duomo, e a Torino in piazza Castello, a cura dei rispettivi Coordinamenti interassociativi per i diritti delle persone con disabilità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Indietro tutta Pd, ritirato lo scudo per Napolitano

next
Articolo Successivo

Pd, Rutelli rilancia il terzo polo
e Bianco: “Presto assemblea della Margherita”

next