Roma, Piazza Navona, mattina, h. 9, sole tagliente –  “Sto per spendere 500 euro di calze per la Bellucci”: capto la frase, pronunciata con marcato accento romano, mentre passo accanto alla Fontana del Bernini, cercando di non finire nel campo delle riprese di uno spot pubblicitario targato Martini, tutti vestiti Dolce & Gabbana.

La ‘trovarobe di lusso’ sta informando al cellulare il suo interlocutore (un’amica?, il moroso?, la mamma?) della sua missione professionale di queste ore. Quel “500 euro” è un impasto di disgusto e di invidia… Mi guardo in giro a cercare la ‘pietra dello scandalo’, ma Monica Bellucci non c’è, non è ancora arrivata: sul set, una controfigura consente di provare l’inquadratura… Tutt’intorno, curiosi e astanti: mica vogliono perdersi l’arrivo della star e l’occasione di sbirciarle quelle calze da 500 euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ho messo via l’aerosol

prev
Articolo Successivo

Sono morta, non mi sono rotta!

next