Questa è una storia che nessuno ha il coraggio di raccontarvi.
Dovete leggerla da soli: http://www.ilfattoquotidiano.it

C’è un palazzo a Palermo, vicino allo stadio della Favorita dove ogni muro, ogni mattone, profuma di mafia. Il capo dei lavori, Salvatore Savoca, è stato strangolato perché non voleva dividere il boccone di cemento con un clan più forte del suo; L’assessore che ha dato la licenza è stato condannato per le mazzette ricevute; Il costruttore Pietro Lo Sicco è stato condannato per mafia e corruzione ed è in galera. Questo palazzo incrocia il destino di due uomini famosi e distanti tra loro: l’avvocato Renato Schifani e il giudice Paolo Borsellino. Il primo ha messo a disposizione la sua scienza per sostenere il torto del più forte. Il secondo ha trovato il tempo per ascoltare le ragioni dei deboli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Indagato per mafia, ma nessuno lo sa

next
Articolo Successivo

Beha d’Africa – I mondiali come arma di distrazione di massa (secondo appuntamento)

next