Questa è una storia che nessuno ha il coraggio di raccontarvi.
Dovete leggerla da soli: http://www.ilfattoquotidiano.it

C’è un palazzo a Palermo, vicino allo stadio della Favorita dove ogni muro, ogni mattone, profuma di mafia. Il capo dei lavori, Salvatore Savoca, è stato strangolato perché non voleva dividere il boccone di cemento con un clan più forte del suo; L’assessore che ha dato la licenza è stato condannato per le mazzette ricevute; Il costruttore Pietro Lo Sicco è stato condannato per mafia e corruzione ed è in galera. Questo palazzo incrocia il destino di due uomini famosi e distanti tra loro: l’avvocato Renato Schifani e il giudice Paolo Borsellino. Il primo ha messo a disposizione la sua scienza per sostenere il torto del più forte. Il secondo ha trovato il tempo per ascoltare le ragioni dei deboli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Indagato per mafia, ma nessuno lo sa

next
Articolo Successivo

Beha d’Africa – I mondiali come arma di distrazione di massa (secondo appuntamento)

next