Questa è una storia che nessuno ha il coraggio di raccontarvi.
Dovete leggerla da soli: http://www.ilfattoquotidiano.it

C’è un palazzo a Palermo, vicino allo stadio della Favorita dove ogni muro, ogni mattone, profuma di mafia. Il capo dei lavori, Salvatore Savoca, è stato strangolato perché non voleva dividere il boccone di cemento con un clan più forte del suo; L’assessore che ha dato la licenza è stato condannato per le mazzette ricevute; Il costruttore Pietro Lo Sicco è stato condannato per mafia e corruzione ed è in galera. Questo palazzo incrocia il destino di due uomini famosi e distanti tra loro: l’avvocato Renato Schifani e il giudice Paolo Borsellino. Il primo ha messo a disposizione la sua scienza per sostenere il torto del più forte. Il secondo ha trovato il tempo per ascoltare le ragioni dei deboli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Indagato per mafia, ma nessuno lo sa

prev
Articolo Successivo

Beha d’Africa – I mondiali come arma di distrazione di massa (secondo appuntamento)

next