/ / di

Mattia Eccheli

Articoli Premium di Mattia Eccheli

Mondo - 20 ottobre 2017

“Siamo intrappolati nell’indipendenza. E saremo più poveri”

“Llibertat presos politics Sanchez Cuixart”. I manifestanti di martedì sera, 200 mila secondo la polizia, hanno appiccicato il volantino lungo l’Avenida Diagonal. Il giorno dopo, un piccolo esercito di addetti della nettezza urbana, ha ripulito per ore dalla cera delle candele accese dagli indipendentisti. L’arteria, che taglia in due Barcellona, è rimasta chiusa per tutto […]
Mondo - 12 ottobre 2017

L’enfant prodige vince rubando a destra

C’è gente che a 27 anni sta ancora finendo gli studi. O che è in cerca di un’occupazione. Anche di un lavoro precario. Lui, Sebastian Kurz, era già all’Estero: come ministro. E adesso, a 31, rischia di diventare il più giovane cancelliere che l’Austria abbia mai avuto. Kurz è l’esponente di spicco di un agonizzante […]
Mondo - 26 settembre 2017

L’ultradestra in rosa che ha spaccato il Paese è già spaccata

Alternativa all’alternativa. A sinistra della destra estrema. Frauke Petry, diventata leader della AfD dopo aver contribuito all’allontanamento del suo fondatore, il docente antieuro Bernd Lucke, si è smarcata dal partito poco ore dopo il trionfo. Anche personale. Con 94 deputati, la Alternative für Deutschland è entrata nel Bundestag con toni e slogan che la Germania […]
Mondo - 25 settembre 2017

Débâcle vincente della Merkel tra “Giamaica” e sfida xenofoba

Il potere logora chi ce l’ha. Gli elettori hanno premiato chi non ha avuto responsabilità di governo, malgrado nella scorsa legislatura le opposizioni non abbiano mai contato così poco: la Grosse Koalition aveva tre quarti dei seggi. Unione ed Spd hanno perso il 14% dei consensi e sono scivolate al 54%. Una bocciatura chiara. La […]
Mondo - 24 settembre 2017

Cancelliera “Teflon”: Angela vince senza fare

La fischiano. Le hanno tirato i pomodori. Le chiedono di andarsene. La Germania è stanca di Angela Merkel. O, meglio, una parte della Germania. Non solo quella che vota Alternative für Deutschland, il partito che organizza trasferte per contestarla nei comizi. La Germania la avrà ancora come capo del governo, per la quarta volta, come […]
Mondo - 23 settembre 2017

“Fuori dalla Spagna, sarà dura restare nell’Ue”

Fuori dalla Spagna e quasi automaticamente anche dall’Europa. “Dietro l’idea dell’Unione – spiega Marco Pertile, associato di Diritto internazionale presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trento – c’era proprio la volontà di superare le divisioni e creare una grande comunità”. Esperto di conflitti e al Graduate Institute for International and Development Studies di Ginevra […]
Mondo - 21 settembre 2017

Il Bundestag trema, Afd può diventare terza forza in Parlamento

Il bilancio di fine legislatura della innaturale Große Koalition – cristiano democratici, cristiano sociali e socialdemocratici – parla di circa mezzo migliaio di leggi e di un programma realizzato al 90%. Ci sono i discussi (e discutibili) affitti calmierati, salario minimo e pedaggio autostradale per i soli automobilisti stranieri che dovrebbe scattare non prima del […]
Mondo - 19 settembre 2017

La teutonica anti-euro e anti-migranti e il lavoro in nero alla profuga siriana

Le polemiche non indeboliscono Alternative für Deutschland, il partito nato eurofobo e diventato sempre più xenofobo. Anzi: sembrano rafforzarlo. Non potrebbe esser altrimenti per un movimento di protesta prossimo al trionfale ingresso al Bundestag. Gli ultimi sondaggi danno sempre più la AfD solitaria terza forza del futuro Parlamento fra il 10 e il 12%. Alexander […]
Politica - 16 settembre 2017

Il precedente: i neonazi di Npd quasi falliti per due multe

Non solo la Lega. Anche in Germania c’è stato un caso in cui la “contabilità creativa” ha finito quasi per far chiudere la saracinesca a un partito politico: la Npd, i neonazisti tedeschi. Andò così. Frank Golkowski, leader di Npd in Turingia, era stato condannato a due anni (con la condizionale) per la gestione allegra […]
Mondo - 12 settembre 2017

Profugo Uber Alles, i liberali piccoli Merkel

Il bastone e la carota. E, soprattutto, la chiusura della rotta del Mediterraneo, “falla” migratoria europea. Christian Lindner, il segretario che il 24 settembre riporterà i liberali della Fdp nel Bundestag, e il collega di partito Joachim Stamp, ministro per la famiglia e per l’integrazione del Nord Reno Westfalia, hanno esposto la loro visione sull’immigrazione. […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×