/ / di

Enrico Muratore Enrico Muratore

Enrico Muratore

Specialista di diritti umani e relazioni internazionali

Sono un italiano in giro per il mondo dal 1991: dopo una laurea in diritto internazionale in Francia e la specializzazione in diritti umani, ho lavorato nel campo della promozione della pace, dei diritti umani e della good governance in molti paesi (Angola, Ruanda, RDC, Bielorussia, East Timor, Burundi, Kenya, Nigeria…), nelle missioni di peace-keeping, presso l’Ufficio dell’Alto Commissario per i diritti umani e altre agenzie ONU e per ONG come Avocats Sans Frontières e Oxfam, acquisendo sul campo un’esperienza diretta del funzionamento del sistema ONU e della cooperazione allo sviluppo. Dal 2009 mi sono stabilito a Dakar, dove ho fondato l’Associazione del Capitano Mbaye Diagne per la Cultura della Pace (Association du Capitaine Mbaye Diagne – Nekkinu Jàmm) per promuovere la memoria dell’eroico peace-keeper senegalese che durante il genocidio in Ruanda del 1994 salvò circa 1.000 persone e perse poi la propria vita, ucciso da un ordigno durante l’ultima delle sue missioni di salvataggio. Dal 2013 attraverso questo blog tratto di diritti umani (anche in Italia), Nazioni Unite e relazioni internazionali, con un’attenzione speciale per l’Africa.
Ho collaborato come blogger per ilfattoquotidiano.it fino al febbraio 2016, trattando temi legati ai diritti umani e alle relazioni internazionali.

Blog di Enrico Muratore

Mondo - 14 febbraio 2016

Paleolitico, il dio dei primi uomini fu la donna

Secondo i paletnologi, le prime credenze spirituali dell’Homo sapiens si manifestarono durante il paleolitico superiore, ovvero circa quarantamila anni fa. Alcuni ritrovamenti fanno però pensare che fin dal paleolitico medio anche i nostri più lontani antenati non sapiens avessero già sviluppato comportamenti religiosi. Nelle grotte di Qafzeh in Israele sono stati trovati scheletri umani di […]
Mondo - 13 febbraio 2016

Ruanda, il comportamento delle donne durante il genocidio 

Nel 1994, in cento giorni, un milione di uomini, donne e bambini (essenzialmente Tutsi) furono uccisi in Ruanda. Per realizzare un tale massacro così velocemente, usando per lo più armi rudimentali come machete o mazze chiodate, fu necessario arruolare la massa dei civili Hutu. Ma erano tutti uomini? E cosa fecero le donne Hutu in […]
Mondo - 7 febbraio 2016

Ruanda, vittime o carnefici? Il ruolo delle donne durante il genocidio

Il 9 novembre 1989 segna la caduta del muro di Berlino ed il crollo della ‘minaccia comunista’, dando inizio ad una serie di grandi mutazioni politiche nel mondo intero. In Africa come altrove, l’appartenenza ai blocchi della guerra fredda perde ogni significato e le terre sotto antica influenza sovietica e cubana cercano ormai nuovi assetti […]
Cultura - 3 febbraio 2016

Statue coperte per Rohani: la maledizione del membro nudo

Nella Bibbia, l’Etiopia è il paese a sud dell’Egitto, detto anche Cush, dal nome di uno dei figli di Cam, il fratello di Sem e Jafet: i figli che Noè ebbe all’età di cinquecento anni, quando ne mancavano cento al diluvio. Dai sopravvissuti figli di Noè verrebbero tutti i popoli delle terra. Da Sem i […]
Mondo - 30 gennaio 2016

Africa, l’anteriorità della civilizzazione

Lo storico greco Diodoro Siculo, vissuto tra il 90 e il 27 a.C,. rapporta nella sua Bibliotheca historica che gli Etiopi dicevano di essere “i primi di tutti gli uomini”, perché “non giunsero nella loro terra come migranti ma ne erano i nativi”, e per tale ragione “portavano il nome di ‘autoctoni’, a loro attribuito […]
Donne di Fatto - 21 gennaio 2016

Violenza sulle donne: una componente sistematica di tutti i conflitti

Chiunque sarà trovato sarà trafitto, chiunque sarà colto cadrà di spada. I loro bimbi saranno schiacciati davanti ai loro occhi, le loro case saran saccheggiate, le loro mogli saranno violentate. Isaia, 13:15-18 L’umiliazione subita ad Adua nel 1896 venne soffocata nei gas della seconda campagna d’Etiopia, fondata, secondo Volpato, su “un’ideologia razzista” che con “mezzi terroristici, […]
Mondo - 13 gennaio 2016

Colonia, la paura di chi ci deve difendere

A Colonia e in altre città in Germania e in Europa, la notte di San Silvestro 2015 si è trasformata in incubo per centinaia di donne, vittime di assalti coordinati da parte di gruppi di 30-40 uomini alla volta (oltre 1000 in totale), autori di rapine, violenze e molestie sessuali. Per giorni la notizia ha […]
Mondo - 8 gennaio 2016

Ruanda, le radici del genocidio

Nel corso di entrambi i conflitti mondiali, le potenze europee fecero carne da cannone non solo dei propri cittadini e sudditi, ma anche di oltre un milione di africani. Tra il 1939 e il 1944, Francia e Regno Unito impiegarono circa 200.000 tirailleurs sénégalais, 350.000 tirailleurs algériens e 375.000 fanti delle West African Divisions contro i paesi […]
Mondo - 31 dicembre 2015

Ruanda, il comportamento dei musulmani durante il genocidio – Parte II

La sera del 6 aprile 1994 alle 20.30, il Falcon 50 del presidente Habyarimana, di ritorno da tesissimi negoziati in Tanzania, è abbattuto all’atterraggio a Kigali. È l’inizio dell’apocalisse annunciata dal colonnello Bagosora alla firma degli accordi di Arusha: gli squadroni della morte percorrono la città con liste di persone da eliminare: Tutsi, ma anche […]
Mondo - 24 dicembre 2015

Ruanda, il comportamento dei musulmani durante il genocidio

Nel 1884 la Conferenza di Berlino regalò il Congo al re del Belgio Leopoldo II e decretò la spartizione dell’Africa tra le potenze europee. Alla Germania, tra l’altro, spettò il Ruanda. Nel 1893 il conte von Götzen, primo tedesco a giungere in Ruanda, convinse il Mwami Kigeli IV Rabugiri a sottomettersi, in cambio di fucili […]
Fulni-ô, il popolo sulla riva del fiume
Yemen: così muoiono i neonati nella Ta’iz sotto assedio

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×