IlFattoQuotidiano.it / BLOG / di Marco Lillo

Marco Lillo Marco Lillo

Marco Lillo

Giornalista e scrittore

Sono nato a Roma nel 1969. Ho scritto “Il Bavaglio” nel 2008 e “Papi” nel 2009, entrambi con Gomez e Travaglio per Chiare Lettere, e “Reperto Raiot”  (venduto con il dvd di Sabina Guzzanti) per Bur. Con Udo Gumpel ho  realizzato nel 2010 il dvd “Sotto scacco”, allegato al Fatto Quotidiano, sui rapporti tra mafia e politica, da Capaci al processo Dell'Utri. Nel 2009 mi è stato assegnato il Premio Borsellino. Oggi potevo essere un avvocato tributarista ma nel 1994 ho lasciato lo studio associato dove lavoravo per ripartire dalla scuola di giornalismo. Mi piaceva l'idea di raccontare il mondo. Poi ho scoperto che il mondo è peggiore di come mi era stato raccontato e sono diventato un giornalista investigativo. Dopo 9 anni a L'Espresso nell'estate del 2009 ho cambiato ancora per partecipare alla fondazione del Fatto Quotidiano. In via Orazio c'era una stanza vuota. Grazie ai lettori oggi c'è un grande giornale.

Post di Marco Lillo

Lavoro & precari - 30 settembre 2014

Articolo 18, i lavoratori sotto ricatto

articolo 18 640 Nella testa dei ‘padroni’ a cosa serve davvero l’abolizione dell’articolo 18? Che sia un incentivo ad assumere è tutto da dimostrare. Già oggi ci sono tanti contratti che permettono alle imprese di provare il lavoratore in un lungo fidanzamento fatto di co.co.co., co.co.pro. e contratti a termine sempre più lunghi. Nessun imprenditore sensato rinuncia dopo questo lungo ‘fidanzamento’ […]
Giustizia & impunità - 18 settembre 2014

Renzi, Descalzi e la rottamazione per gli amici di Bisignani e B.

Con la difesa di Claudio Descalzi, Matteo Renzi ha definitivamente gettato la maschera. Il premier si era presentato come un rottamatore, ma ha dimostrato di non avere alcuna intenzione di innovare la politica e l’economia italiane. Non a caso, l’applauso più fragoroso alla difesa di Descalzi contro i pm e i giornali è arrivato da […]
Diritti - 11 agosto 2014

Eterologa, la sentenza ignora i diritti del neonato. Decida la Corte

Per il giudice Silvia Albano i gemelli nati dopo lo scambio di provetta devono essere assegnati alla mamma che li ha partoriti e al di lei marito perché così prevede la legge vigente. Su questo tutti i giuristi sono concordi. Il giudice però non ha solo negato un provvedimento di urgenza che permettesse ai genitori […]
Media & regime - 27 luglio 2014

De Girolamo, le cortesie con Lorenzin e la realtà dei fatti

de girolamo 640 Ogni volta che vedo Nunzia De Girolamo in un talk show o leggo una sua intervista mi confermo nell’idea che la realtà in Italia è diventata ormai un universo parallelo rispetto alla rappresentazione dei media. Oggi La Stampa pubblica le dichiarazioni dell’ex ministro delle Politiche agricole del Governo Letta: “La differenza tra me e Beatrice […]
Giustizia & impunità - 16 luglio 2014

Ruby, perché sette anni sono troppi

Ruby Per una volta i legali di Berlusconi non hanno tutti i torti: la condanna di primo grado nel caso Ruby non sta in piedi. Se la pena fosse ridotta in appello non sarebbe uno scandalo. La condanna a sei anni (più l’anno per prostituzione minorile) per la telefonata del 27 maggio 2010 con il dottor […]
Media & regime - 30 giugno 2014

M5S a ‘Il Secolo XIX': l’effetto della strategia mediatica sugli attivisti

Il caso dei simpatizzanti del Movimento 5 stelle che vanno a protestare dentro la sede del Secolo XIX di Genova dice cose interessanti sul rapporto tra i giornali e il MoVimento 5stelle. L’informazione e la formazione del consenso nel mondo perfetto del M5s procede per linee dirette. Il sapere si irradia a raggiera dal blog […]
Giustizia & impunità - 8 giugno 2014

Corruzione: o Incalza o Cantone

Ci sono 820 mila ragioni che rendono Matteo Renzi poco convincente quando promette di fare sul serio contro la corruzione dilagante, dall’Expo al Mose. Ogni giorno sentiamo suonare dai grandi quotidiani le fanfare dell’arrivano i nostri.    Su Repubblica, ieri, Simona Bonafé prometteva: “Chi sbaglia deve pagare”. Sul Corriere, Debora Serracchiani garantiva: “Con la nuova […]
Media & regime - 23 maggio 2014

Il Fatto intervista Renzi: a cosa serve un giornale

La scelta di Matteo Renzi di dimettersi dalla società di famiglia, seguendo una precisa richiesta del Fatto, è una notizia. In un paese normale, il compito della stampa libera non è quello di titolare in prima pagina: “Bisogna votare Renzi”, ma quello di raccontare ai lettori i lati meno luminosi della carriera di un politico. […]
Media & regime - 26 marzo 2014

Santanchè e Bpm: la verità nonostante i talk show

Sono passati un anno e 5 mesi dalla mattina in cui Daniela Santanché in una trasmissione ha cercato di nascondere i fatti con gli insulti e le menzogne. Non potendo ribattere nel merito con argomenti convincenti sui suoi rapporti con Bpm, l’ex sottosegretario del Governo Berlusconi ha spostato il baricentro dell’attenzione del pubblico dallo scandalo […]
Politica & Palazzo - 17 febbraio 2014

Renzi, perché la staffetta?

Matteo Renzi ha scelto di farsi dare l’incarico di presidente del consiglio – con la ratifica formale di Giorgio Napolitano – da un vertice di partito invece che dagli elettori. Una scelta così stupida, se fatta da una persona che stupida non è, deve avere una spiegazione. E Renzi tutto è tranne che uno stupido. […]