Forza Italia in crescita sull’onda del ritorno in campo di Silvio Berlusconi e del buon risultato delle amministrative, tanto che raggiunge il Carroccio al 15,1 per cento dei consensi. E’ quanto mostrato dall’ultima rilevazione del sondaggio Ipsos Pa realizzato per il Corriere della Sera. Il primo effetto dei movimenti delle preferenze degli elettori lo vede il centrodestra che, se unito, può sognare di raggiungere il 35,1 per cento (con il 4,9% di Fratelli d’Italia).

Sul fronte opposto invece, soffrono delle ultime evoluzioni sia Pd che Movimento 5 stelle. I grillini, come dice Ipsos, soffrono delle prese di posizione su Ius soli e sul caso Ong, perché comunque hanno un elettorato trasversale e comunque si muovono scontentano qualcuno quando scelgono schieramenti netti. Restano quindi primo partito nelle preferenze degli italiani, ma si fermano al 27,6 per cento, in calo rispetto alla soglia del 30 per cento che avevano raggiunto nei mesi scorsi. Chi soffre è naturalmente anche il Partito democratico che ha il 26,9 per cento delle preferenze. Da segnalare che, in contemporanea, gli ex dem di Mdp guadagnano per la prima volta lo 0,9 per cento, ovvero esattamente la percentuale persa dal Pd. Il sondaggio – condotto mediante mixed mode Cati/Cami/Cawi, è stato realizzato il 19 e 20 luglio. Il precedente era del 28 luglio, l’indomani delle amministrative.

Queste le intenzioni di voto (tra parentesi le percentuali precedenti): Rc-Prc-Idv-Verdi 1,0% (1,1) SI 2,0% (2,8) Mdp 3,8% (2,9) Pd 26,9% (27,8) altri c.sinistra 0,4% (0,5) Scelta Civica 0,5% (0,5) AP 2,0% (1,8) FI 15,1% (14,3) Lega Nord 15,1% (15,0) Fdi 4,9% (4,2) M5s 27,6% (28,3) Altre liste 0,7% (0,8) Indecisi+non voto 34,9% (34,1).