La questione è nella mani della Germania, ma nulla si è ancora mosso. Ilfattoquotidiano ha scritto tre giorni fa che la traduzione in tedesco della sentenza Thyssen, necessaria per eseguire la pena nei confronti dei manager tedeschi condannati, come riferivano fonti giudiziarie, non era ancora conclusa e ha chiesto spiegazioni al ministero della Giustizia. Che contattato venerdì 12 maggio da ilfattoquotidiano.it non ha fornito una risposta. La risposta arrivata dopo la pubblicazione dell’articolo sul sito. La sentenza, spiegano in via Arenula, è stata consegnata alle autorità tedesche da più di due mesi.

Da due mesi le autorità giudiziarie tedesche dispongono delle carte che possono portare in carcere l’ex ad della ThyssenKrupp Acciai Speciali Harald Espenhahn (nella foto) e l’ex consigliere Gerald Priegnitz, condannati in via definitiva il 13 maggio 2016 per omicidio colposo plurimo al termine del processo per il rogo allo stabilimento di Torino in cui, tra il 5 e il 6 dicembre 2007, morirono sette operai. Nonostante ciò i due manager sono ancora liberi, a differenza degli altri condannati, i dirigenti italiani Cosimo Cafueri, Daniele Moroni, Marco Pucci e Raffaele Salerno. Colpa delle procedure giudiziarie europee e forse anche delle autorità locali non proprio solerti. Non sono bastate, infatti, le cinque sentenze di condanna (una del tribunale di Torino, due della Corte d’appello e due della Cassazione) e un mandato d’arresto europeo. Hanno voluto di più, come consentono le norme europee, ma adesso che hanno le sentenze tradotte non hanno ancora provveduto a eseguire le pene.

La sentenza della Cassazione (qui le motivazioni), quella che ha respinto i ricorsi degli imputati confermando le condanne della Corte d’appello di Torino, è arrivata il 13 maggio 2016, un venerdì sera, e il sabato mattina gli italiani si sono consegnati alle forze dell’ordine per poi andare in carcere a Terni e a Torino, dove si trovano tuttora. Lunedì 16 maggio, rientrati nei loro uffici, il sostituto procuratore generale Vittorio Corsi e il procuratore generale Francesco Saluzzo hanno emesso un mandato di arresto europeo per Espenhahn e Priegnitz e il 25 maggio sono state diramate le ricerche dei due condannati, localizzati in Germania.

Lì è stata consegnata la documentazione per l’arresto, ma il 4 agosto la procura generale di Hamm ha comunicato al ministero della Giustizia il rifiuto della consegna: in base alle norme sul mandato di arresto europeo un’autorità giudiziaria può rifiutare di eseguire il mandato contro i suoi cittadini per eseguirla “conformemente al suo diritto interno”. In Germania, in base ai codici, Espenhahn e Priegnitz non sconteranno le pene stabilite dai giudici italiani, rispettivamente nove anni e otto mesi il primo e sei anni e tre mesi il secondo. La detenzione potrà durare fino a un massimo di cinque anni, pena massima prevista dal codice penale tedesco per l’omicidio colposo.

A questo punto il ministero di via Arenula ha chiesto di seguire le procedure previste da un’altra decisione quadro dell’Unione europea. Così, una volta arrivate le motivazioni della sentenza della Cassazione, il ministero ha fatto tradurre le sentenze e il 13 marzo le ha inviate in Germania. La procura generale di Hamm ha informato il ministero di aver convalidato il “certificato” (o meglio, di aver proceduto alla “deliberazione”). Ora, però, tutto è nelle mani dell’autorità giudiziaria di Essen, città della Renania Settentrionale – Vestfalia in cui si trova la sede della casa madre, la ThyssenKrupp AG.

Modificato da redazione web alle 13.15 del 17 maggio 2017