Ogni paziente maggiorenne e capace di intendere e di volere potrà interrompere “in qualsiasi momento” i trattamenti sanitari e quindi pure la nutrizione e l’idratazione artificiale. Nel corso della lenta discussione degli emendamenti al ddl Biotestamento, la Camera ha approvato con 348 voti favorevoli e 32 contrari l’emendamento Pd a firma Maria Amato che modifica il comma cinque dell’art.1 della legge e specifica che “sono trattamenti sanitari, tra gli altri, la nutrizione e l’idratazione artificiale, in quanto somministrazione su prescrizione medica di nutrienti o mediante dispositivi sanitari”.

Il provvedimento, tornato nell’agenda parlamentare dopo la morte di dj Fabo, non ha ancora una tabella di marcia prestabilita. Dei quasi 300 emendamenti preparati, ne sono stati votati in quasi due giorni circa una trentina. Ne restano al momento 250 ancora da discutere. Nel frattempo regge l’asse tra Pd, scissionisti Mdp, Sinistra italiana e Movimento 5 stelle: il governo ha superato il primo, il secondo (in questo caso con 450 voti a 94) e il terzo voto segreto.

Il nodo più discusso della giornata è stato a quello sull’alimentazione e l’idratazione artificiali, se siano o meno da considerarsi parte del trattamento sanitario o al contrario facciano parte del sostegno vitale, sospeso il quale si conduce l’individuo alla morte per inedia, configurando quindi una sorta di suicidio assistito o di implicazioni eutanasiche delle norme. Rispetto a ieri, in cui sono stati affrontati temi generali – si è affermato per esempio che il biotestamento non è eutanasia -, l’assemblea è entrata questa mattina più nello specifico. Fra le questioni discusse nei due giorni, anche la possibilità di obiezione di coscienza da parte del personale sanitario. L’Aula ha deciso per l’obiezione purché sia garantito il diritto del paziente. Forza Italia e Lega hanno chiesto l’allungamento dei tempi di discussione a loro disposizione, concesso dalla presidente Laura Boldrini.

Il deputato Maurizio Sacconi, ora esponente di “Energie per l’Italia” di Stefano Parisi, ha fatto un appello al centrodestra perché sia compatto in “difesa della vita”: “Come era facile prevedere”, ha detto, “la maggioranza composta dalle due sinistre del Pd e del M5s procede nella approvazione di un testo aperto a soluzioni eutanasiche. Il medico è ridotto a un mero esecutore di queste volontà e rischia il posto di lavoro se non obbedisce alla disposizione di togliere cibo e acqua. La convergenza tra le due sinistre è molto significativa perché si produce nell’ambito dei principi fondamentali, così come il centrodestra tutto dovrebbe dimostrare analoga coesione dal punto di vista del riconoscimento del valore della vita. È ovvio che in queste materie i partiti devono riconoscere libertà di voto anche se ciò non li esime dall’esprimere quell’orientamento prevalente che concorre alla loro identità. Spiace constatare che nel Pd non si stanno levando esplicite voci di dissenso. Al Senato comunque le cose potrebbero andare diversamente”.