Pier Luigi Boschi risulta ancora indagato dalla procura di Arezzo. Sulla posizione dell’ex vicepresidente di Banca Etruria sono recentemente sorti dubbi. E polemiche sull’ipotesi che potesse essere stato archiviato. Dubbi e polemiche alimentate anche dalla figlia Maria Elena, ex ministro del Governo Renzi e oggi sottosegretario dell’esecutivo guidato da Paolo Gentiloni. La madrina della Leopolda il 7 marzo è tornata in tv per la prima volta dopo la sconfitta referendaria di dicembre. Dalle poltrone di Porta a Porta ha dichiarato: “Nessuno ha dato grande risalto alla notizia che mio padre è fuori da quell’inchiesta per bancarotta fraudolenta”. Tre giorni fa l’esclusione di Pier Luigi Boschi dalla richiesta di rinvio a giudizio formulata a carico di 21 persone – i vertici degli ultimi due cda tra cui l’ex presidente Giuseppe Fornasari e l’ex direttore generale Luca Bronchi – aveva spinto a ritenere archiviata la posizione di Boschi senior. In realtà il padre dell’ex ministro risulta ancora indagato.

La sua posizione è stata esclusa dal filone principale, chiuso a dicembre, perché seppure vicepresidente per otto mesi della banca, non aveva deleghe specifiche e quindi non è stato ritenuto responsabile della presunta elargizione ingiustificata di 180 milioni di euro, quella appunto oggetto dei recenti rinvii a giudizio. Di fatto Boschi non è mai stato indagato per la concessione dei finanziamenti risultati poi inesigibili, seppure sia stato consigliere di amministrazione già dal 2012. Sin da dicembre 2015, cioè dall’apertura dei fascicoli sul crac della popolare aretina, Pier Luigi Boschi è stato iscritto nel registro con l’accusa di bancarotta fraudolenta in merito alla liquidazione concessa all’ex direttore generale Luca Bronchi. Liquidazione di 700mila euro netti (1 milione 200 mila lordi) deliberata il 30 giugno 2014 dal cda della banca allora guidato da Lorenzo Rosi. Nell’aprile 2016 il gip Anna Maria Loprete ha disposto il sequestro di parte della liquidazione per 470mila euro. Ma secondo i magistrati doveva essere sequestrata per intero perché ritenuta “distrazione delle risorse della banca”. Ne è nato un contenzioso: la procura ha presentato ricorso. Bronchi, attraverso il suo legale, Antonio Bonacci si è rivolto al Riesame chiedendo il dissequestro anche dei 475mila euro. I giudici del Riesame hanno respinto quest’ultima richiesta ma confermato che il sequestro doveva rimanere parziale e ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato dalla procura e illustrato dal pm Andrea Claudiani.

Accusa, gip e Riesame hanno confermato quindi che i 475mila euro – indennità supplementare di 16 mensilità riconosciuta a Bronchi in aggiunta ai 7 mesi di preavviso – rappresentano una distrazione patrimoniale e di conseguenza, in regime di insolvenza, un capitolo di bancarotta fraudolenta. Secondo l’accusa all’ex direttore generale doveva essere riconosciuta esclusivamente l’indennità di preavviso semplice. Interpretazione che ha spinto Bonacci, l’avvocato difensore di Bronchi, a ricorrere in Cassazione. In attesa che la Corte si pronunci il fascicolo sulla liquidazione dell’ex dg è ancora aperto. E su questo è iscritto, insieme ad altri, il nome di Pier Luigi Boschi tra gli indagati per bancarotta fraudolenta. E saranno i magistrati a decidere.