Il Movimento Cinque Stelle non solo primo partito, ma con un punto e mezzo davanti al Pd. I democratici terza forza se il centrodestra si unisse in un’unica lista (che sarebbe quella vincente). Ma di sicuro il Parlamento, se si votasse oggi, non avrebbe alcuna maggioranza e lo scenario sarebbe quello della Spagna: la necessità di tornare alle urne per provare a vedere che effetto fa. Lo dice il sondaggio Emg per il TgLa7 che non solo suggerisce che nessuno dei partiti sondaggio-emgpuò neanche sognare il 40 per cento necessario per avere il premio di maggioranza, ma anche che alla Camera nessuna possibile coalizione darebbe una maggioranza sufficiente per sostenere un governo.

Al M5s viene attribuito il 29,1 per cento dei voti, con un aumento dello 0,7, mentre il Pd galleggia poco sotto il 28, con una flessione dello 0,4 in una settimana. I democratici sembrano patire vari fattori legati all’attualità politica: la scissione del Pd dei bersaniani, le divisioni in vista del congresso e l’inchiesta Consip che vede coinvolti il ministro Luca Lotti e il padre dell’ex presidente del Consiglio Tiziano Renzi. Dopo Cinquestelle e Pd il terzo partito – stabile – è la Lega Nord, al 13,3, seguita come sempre da Forza Italia che questa settimana cala leggermente (0,4) e si ferma all’11,8. Una tendenza che però viene tamponata dal lieve incremento dei Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni che arrivano al 5,1 (+0,2). In Parlamento, infine, entrerebbe il Movimento dei Democratici e Progressisti di Bersani, Speranza e Rossi (4 per cento, dato stabilizzato con un +0,2 in una settimana), ma non il Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano (2,5, 0,2) che peraltro ha annunciato lo scioglimento del partito non si capisce però ancora per fare cosa. Infine Sinistra Italiana che ad oggi non andrebbe oltre l’1,7 per cento a causa della concorrenza a sinistra dovuta alla presenza di Mdp, seggima anche della lista di Giuliano Pisapia – Campo Progressista – che però non è tra le forze politiche degne di stima nel sondaggio Emg.

L’istituto diretto da Fabrizio Masia però ha elaborato anche una serie di scenari con la proiezione del possibile numero di seggi per ciascun partito (aggiungendo anche i seggi conquistati nelle sezioni estere alle ultime Politiche perché il sondaggio è fatto solo in Italia). Dunque il M5s conquisterebbe oggi 196 seggi, tanti ma non abbastanza naturalmente per arrivare a 316. Il Pd si fermerebbe a 192. La Lega ne avrebbe 88 e Forza Italia 80. A seguire Fratelli d’Italia e Democratici e Progressisti rispettivamente con 34 e 27 seggi. A Si va un seggio che però, come detto, arriva dai risultati delle circoscrizioni all’estero delle Politiche 2013.

maggioranzeIl risultato in Parlamento è quello che immaginano tutti: non esistono maggioranze. Anzi sì, una, al limite della fantapolitica: la coalizione degli “euroscettici”, si potrebbe chiamare. Cioè M5s insieme a Lega Nord e Fratelli d’Italia. Insieme prenderebbero 318 voti, due in più della maggioranza assoluta a Montecitorio. Stando su schemi più realistici, invece, il Pd non avrebbe la maggioranza nemmeno se tentasse le larghe intese con Forza Italia, Democratici e Progressisti e vari partitini.