“Non vogliono più valli e meno picchi”. E’ la protesta dei consumatori inglesi che non stanno parlando di geografia, ma del Toblerone: la famosa barretta di cioccolato dentata- creato nel 1908 in Svizzera -, infilata nelle famose scatole triangolari che ricordano le montagne. Il dolciume in vendita oltremanica presenta ora ‘più vallate e meno picchi’, se così si può dire. In pratica, le punte di cioccolato sono molto più distanziate perché in ogni barretta ce ne sono solo nove, tre in meno del resto del mondo. Immediatamente è scattata l’ironia del Web, con molti internauti che su Twitter hanno diffuso foto del Toblerone “prima e dopo la Brexit“.

Il tam tam derivato dalla “cura dimagrante” alla quale sono stati costretti i golosi inglese, ha spinto la Mondelez, l’azienda produttrice della famosa barretta, a diffondere una nota per spiegare l’accorciamento del dolce. Ciò “è dovuto – scrive nella nota l’azienda- a causa dell’aumento del prezzo degli ingredienti”, smentendo nel contempo che la decisione sia da mettere in relazione con la Brexit o con il calo della sterlina. La società alimentare ha spiegato di aver optato per una barra più leggera, invece di aumentare i prezzi nei discount. Un portavoce della Mondelez, Heide Hauer, ha spiegato che solo le barre triangolari esportate in Gran Bretagna, se vendute nei discount, passano da 170 a 150 grammi nella versione piccola e dai 400 ai 360 in quella grande.

Ma queste spiegazioni non sono bastate agli appassionati britannici del dolce che esprimono disappunto, protestano e si lamentano. E non credono ai dichiarati aumenti dei costi di produzione dovuti all’incremento del prezzo degli ingredienti base. “Prima mi sembrava di avere tra le mani le Alpi Svizzere, adesso mi ritrovo con qualcosa che somiglia all’Olanda“, ha commentato un goloso deluso britannico.