“Chi sbaglia in Ama deve pagare e i romani hanno ragione: non state pulendo la città. E’ il momento che vi assumiate le vostre responsabilità”. L’assessora all’Ambiente della giunta M5s a Roma Paola Muraro si è presentata a sorpresa nella sede direzionale dell’azienda partecipata della Capitale che gestisce i servizi ambientali e ha incontrato il presidente del cda Daniele Fortini. Il confronto è stato trasmesso in diretta su Facebook. “Non può”, ha detto Muraro, “passare il messaggio ‘tanto denunciate che non ci sanzionano’. Non esiste. Quando vedete sacchetti in strada li dovete raccogliere, non li potere lasciare lì. Io capisco tutte le difficoltà ma il vostro lo dovete fare”. Nel corso dell’incontro Muraro ha anche chiesto di vedere i capi d’area e ha voluto sapere chi di loro fosse in ferie.

Muraro si è poi rivolta ai vertici chiedendo un piano di intervento per la “normalità” da consegnare entro le prossime ore: “Non ci muoviamo da qui fino a quando non abbiamo un documento operativo di recupero. Lo scriviamo insieme, ora, perché Ama deve dare una risposta ai romani. C’è un contratto di servizio approvato a maggio, devono assolutamente spazzare le strade e raccogliere i rifiuti”. Per quanto riguarda la modalità di raccolta dei rifiuti, Muraro ha aggiunto: “Esiste un problema cronico di Ama, che passa alle ore in cui è stabilito e si disinteressa del dopo. Io ieri sono passata per le stradine vicino a via Nazionale. Ho visto montagne di sacchetti neri dalla sera prima. Non si può lasciarli lì in un momento di allerta terrorismo perché li potrebbe nascondersi una bomba”.

L’assessora ha poi chiesto come mai non sia stato segnalato il fatto che gli impianti per lo smaltimento dei rifiuti fossero già pieni a ottobre. “Perché non avete detto nulla? Ama la gestite voi, non io. Io sono qui perché bisogna agire, non possiamo più aspettare, Roma non può più aspettare. Perché non avete fatto le domande? Se avevate problemi a ottobre perché non lo avete detto? L’emergenza l’avete creata voi ed ora ve ne state lavando le mani”. Fortini ha ribattuto dicendo di aver segnalato il problema alla Regione: “Io ho scritto il primo giugno dicendo siamo in difficoltà sappiate che abbiamo bisogno d’aiuto. La risposta io non l’ho mai avuta”. Il presidente del cda ha poi segnalato problemi che riguardano le utenze: “Ci sono difficoltà di Ama dovute essenzialmente al malfunzionamento degli impianti ma anche purtroppo ai comportamenti dell’utenza. Il 50 per cento di quelle non domestiche, non conferisce correttamente nella raccolta differenziata”. E tra loro, stando ai controlli dei vigili del Pronto Intervento Centro storico-Decoro Urbano (Pics), “il 40% non paga la Tari“. Fortini ha poi rivendicato il lavoro svolto fino a questo momento: “Noi facciamo giri tutte le sere, io ho dato l’ordine di essere tutti giorni sul territorio”.

Muraro ha chiesto spiegazioni anche degli impianti di Salaria e Rocca Cencia: “Stanno allo stremo, sono strapieni. Io vorrei che entrambi fossero svuotati”. Fortini però sul punto ha posto un problema: il tritovagliatorie di Rocca Cencia infatti è stato affittato dal re dei rifiuti Manlio Cerroni alla ditta Porcarelli. “Io non chiederò mai di utilizzare l’impianto di Cerroni”, ha detto Fortini. “O me lo dicono le autorità che è possibile, oppure senza gara non lo uso. L’impianto è di Cerroni, affittato ‘per togliersi d’impiccio‘ alla ditta Porcarelli, se questo impianto Ama lo deve usare, ci deve essere un’autorità che mi dice che lo posso fare”. “Se la Regione fissa la tariffa non ci sono più elementi ostativi?”, ha chiesto Muraro. E ha aggiunto: “L’emergenza l’avete creata voi, è una responsabilità grossa. Viene fuori che tu non glieli vuoi portare (a Cerroni, ndr) e la città è piena di rifiuti per strada”. “Senza la legge, senza gara, senza tariffe, non porto i rifiuti a spasso”, ha risposto l’ad di Ama. Sul punto è anche arrivata la replica della Regione: “Al momento l’impianto funziona con autorizzazione provinciale”, si legge in una nota. “Si fa presente che risulta agli atti dell’ufficio una nota del 20/6/2016 che il presidente Fortini scrive al Colari da dove emerge chiaramente che le valutazioni sono esclusivamente tra Ama ed i Colari e la Regione è totalmente esente da ogni ruolo. La scelta di utilizzare o non utilizzare il tritovagliatore è esclusivamente dell’Ama”.