Oggi, lunedì 25 luglio, per la prima volta il Parlamento italiano discute una proposta di legalizzazione della cannabis: possesso di marijuana per uso personale e ricreativo, autocoltivazione, “maria social club”. Non era mai successo nella storia della Repubblica. Ma potrebbe non essere la volta buona, sicuramente non sarà il giorno decisivo: il ddl, appena approdato a Montecitorio, dovrà tornare in Commissione per l’esame di tutti gli emendamenti, oltre 1.700 al momento. Per il voto finale se ne riparlerà dopo la pausa estiva. Ammesso che il testo elaborato dall’intergruppo per la cannabis legale di Benedetto Della Vedova sopravviva al fuoco incrociato dei proibizionisti. E al “ricatto” degli alfaniani, guidati dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che giusto ieri ha ribadito il suo no: “Alcol e droga sono una piaga per i giovani”. I voti di Ncd non sono decisivi, quelli che servono potrebbero essere trovati altrove. Ma se Area Popolare trasformerà il dibattito in una questione di governo, mettendo sotto scacco Matteo Renzi come già successo per le unioni civili, le probabilità di poter fumare una canna senza avere problemi con la legge si abbasseranno drasticamente. Nonostante le 290 firme già raccolte tra Camera e Senato, il sostegno trasversale, che va dal Pd al M5S, passando perfino per qualche deputato di Forza Italia e Scelta Civica, potrebbe non bastare.

“MARIA” LIBERA FINO A 15 GRAMMI. Fino a oggi la legalizzazione della cannabis in Italia era stata solo un tabù, la battaglia di Marco Pannella e dei radicali, l’appello di qualche cantante trasgressivo. Dal punto di vista normativo, invece, al referendum sulla depenalizzazione dell’uso personale nel ’93 era seguita la Legge Fini-Giovanardi del 2006, poi dichiarata incostituzionale dalla Consulta. Piccoli passi avanti e indietro, per rimanere fermi nello stesso punto. Ora il ddl n. 3235 “in materia di legalizzazione della coltivazione, della lavorazione e della vendita della cannabis e dei suoi derivati” prevede una rivoluzione. Due i principi fondamentali: il possesso personale e l’autocoltivazione, più una serie di semplificazioni per l’utilizzo terapeutico. Sarà possibile detenere per uso ricreativo fino a 5 grammi di marijuana, che diventano 15 nel privato domicilio. Ognuno potrà coltivare sul terrazzo di casa fino a un massimo di cinque piantine, semplicemente inviando una comunicazione, senza autorizzazione. Nasceranno poi i “cannabis social club”, sul modello di quelli spagnoli: un’associazione i cui membri (maggiorenni, non più di 50), potranno contare su 5 piante a testa e consumarne all’interno i prodotti. La vendita verrà regolamentata in regime di monopolio di Stato, più rigido di quello del tabacco (si parla di possibili concessioni ai privati, ma la materia eventualmente andrà approfondita in seguito con una delega). Il consumo resterà vietato in tutti i luoghi pubblici, sia al chiuso che all’aperto: si fumerà solo in casa o in circoli. Nessuna attenuazione delle sanzioni del Codice della strada (divieto di guida in stato di alterazione), mentre il 5% dei proventi derivanti dalla legalizzazione verrà destinato alla prevenzione contro la droga.

L’INTERGRUPPO DI DELLA VEDOVA. L’approdo in Aula è merito del deputato di Scelta civica, sottosegretario agli Affari esteri nonché ex presidente dei Radicali, Benedetto Della Vedova, che lo scorso anno ha dato vita all’intergruppo parlamentare “Cannabis legale”. “È stato sorprendentemente facile”, spiega a ilfattoquotidiano.it. “È bastato inviare una mail, spiegando gli intenti dell’iniziativa, per ricevere oltre un centinaio di risposte di vario tipo”. Da allora gli aderenti al gruppo hanno lavorato per elaborare un testo che l’onorevole definisce “solido ed equilibrato”: la prima firma è dell’ex candidato sindaco di Roma Roberto Giachetti, ma a seguire ne sono arrivate tante altre. Alla Camera c’è tutta Sinistra italiana, gran parte del Movimento 5 Stelle, circa 90 deputati del Pd, socialisti, esponenti del Gruppo Misto e di Gal. Ma anche qualche nome che non ti aspetti: l’ex ministro della Difesa di Berlusconi, Antonio Martino, insieme a Salvatore Margiotta di Forza Italia; Pierpaolo Vargiu e Andrea Vecchio di Scelta Civica, Monica Faenzi di Ala (il gruppo di Denis Verdini). “Un sostegno trasversale, che dimostra quanto il tema sia sentito a prescindere dalla bandiera politica”.

IL “RICATTO” DEGLI ALFANIANI. Gli oppositori, invece, hanno più o meno la stessa provenienza. La Lega Nord di Salvini ha già dichiarato la sua contrarietà, come Fratelli d’Italia. Ma i più agguerriti sono tutti di Area Popolare: dal gruppo del ministro Alfano vengono circa 1.300 dei 1.700 emendamenti presentati al ddl; l’ex ministro Lupi ha annunciato anche una pregiudiziale di costituzionalità. In prima linea l’onorevole Paola Binetti, famosa per le sue posizioni conservatrici. E il siciliano Alessandro Pagano, che ricollegando la legalizzazione della cannabis alla maternità surrogata e alle unioni civili ha parlato addirittura di “disegno criminogeno, sul piano antropologico e per la salute pubblica”. La crociata degli alfaniani rischia di trasformare un dibattito parlamentare in una questione politica. Di governo. I primi segnali ci sono già: il ministro Lorenzin, parere pesante nella discussione, ha dichiarato di essere “totalmente contraria a un’idea di normalizzazione del consumo della droga”, sostenuta anche dal ministro degli Affari regionali, Enrico Costa (“Così legittimiamo la tossicodipendenza per recuperare risorse”). È questo il principale timore di Della Vedova: “Il ddl ha buone possibilità, ma non deve diventare oggetto di un braccio di ferro all’interno della maggioranza”. Difficilmente, infatti, Matteo Renzi sarebbe disposto a mettere a rischio l’esecutivo per un tema che non fa parte del suo programma. Invece le parole della Binetti rivelano l’intento di Area Popolare: “I nostri 1.300 emendamenti sono il tentativo estremo di richiamare l’attenzione di tutto il governo sulla gravità delle decisioni da prendere”.

LE BARRICATE DEGLI ALFANIANI. Il ddl parte da una base di 220 firme a Montecitorio. La maggioranza teorica è a quota 316, per farcela servono un’ottantina di voti, da pescare soprattutto fra le fila del Pd. Non un’impresa impossibile, a patto però che i deputati possano scegliere senza ordini di partito. Per convincere gli indecisi, i sostenitori sarebbero pronti anche a scendere a compromessi. “Il testo si può migliorare. Possiamo discutere di tutto, tranne che dei due principi fondamentali: il possesso per uso personale e l’autocoltivazione, altrimenti viene meno la legalizzazione”. “Ma fino ad ora le modifiche avanzate sono tutte di tipo ostruzionistico, nessuna proposta sul merito”, aggiunge Daniele Farina, il relatore del provvedimento di Sinistra italiana. Proprio per porre un termine alla presentazione degli emendamenti si è deciso di portare il ddl in aula, anche se dopo la discussione generale dovrà tornare in Commissione. Il voto solo in autunno, poi la partita eventualmente si sposterebbe al Senato, dove sarebbe ancor più complicata. “La battaglia sulle unioni civili in confronto sarà ricordata come una passeggiata. La legalizzazione della cannabis non passerà mai”, promette Pagano di Area Popolare. Per il movimento anti-proibizionista il 25 luglio è una data storica, ma la strada è ancora molto lunga.

Twitter: @lVendemiale