Non solo la sindaca Virginia Raggi e i consiglieri in Campidoglio, anche gli assessori della futura giunta rischiano una multa da 150mila euro se violano il codice di comportamente M5s. Il documento firmato dai candidati grillini, come anticipato a febbraio scorso, sarà sottoposto anche alla squadra di esterni che sarà annunciata ufficialmente nei prossimi giorni. I 5 stelle sono alla ricerca di facce che siano completamente svincolate dai partiti tradizionali, ma il timore è che i selezionati poi non seguano la linea del gruppo. Raggi e il mini direttorio romano sono al lavoro per esaminare i curriculum e non mancano le difficoltà tra rinunce e perplessità. La prima precauzione è cercare persone che siano vicine allo spirito del Movimento, ma potrebbe non bastare. Da qui la decisione di far firmare il codice etico anche ai futuri assessori. “Sindaco, assessori e consiglieri eletti dovranno rispettare il presente Codice”, si legge nel documento che include i membri della giunta tra i soggetti tenuti ad operare in sintonia “con le indicazioni date dallo staff”. E tra i sottoposti, in caso di violazione, al rischio di multa per danno di immagine di almeno 150mila euro. Si tratta di una clausola simile a quella degli europarlamentari M5s che invece rischiano una penale di 250mila euro. Diversa invece la situazione a Torino: la sindaca Chiara Appendino ha fatto firmare un codice etico “soft” dove non è prevista alcuna sanzione in denaro.

Il documento che tutti i candidati grillini a Roma hanno firmato prevede che “le proposte di atti di alta amministrazione e le questioni giuridicamente complesse verranno preventivamente sottoposte a parere tecnico-legale a cura dello staff coordinato dai garanti del M5s, al fine di garantire che l’azione amministrativa degli eletti M5S avvenga nel rispetto di prassi amministrative omogenee ed efficienti, ispirate al principio di legalità, imparzialità e buon andamento dell’azione amministrativa di cui all’art. 97 della Costituzione”. Anche gli assessori dovranno rispettare il “non statuto”, dovranno “coordinarsi con i responsabili della comunicazione del M5s nel Parlamento (gruppo comunicazione)”, dovranno informarsi ai principi di “trasparenza”. Gli assessori rientrano anche nel capitolo “sanzioni” assumendosi “l’impegno etico” a dimettersi in caso di condanna penale anche solo di primo grado o se iscritti nel registro degli indagati e se una consultazione in rete o i garanti “decidano per tale soluzione nel superiore interesse del preservazione dell’integrità del M5s”. “Il sindaco, ciascun assessore e ciascun consigliere sarà ritenuto gravemente inadempiente laddove, secondo il principio della democrazia diretta, detto “recall”, già applicato negli Stati Uniti” lo decidano almeno 500 iscritti al M5s o lo decida una votazione in rete.

Infine, continua il documento, “ciascun candidato del M5s alla carica di Sindaco di Roma Capitale, di Assessore della Giunta di Roma Capitale e di consigliere dell’Assemblea di Roma Capitale, prima delle votazioni per le liste elettorali, dovrà sottoscrivere formalmente il presente codice di comportamento” e quindi “si dichiara consapevole” che “a seguito di una eventuale violazione di quanto contenuto nel presente Codice, il M5s subirà un grave danno alla propria immagine, che in relazione all’importanza della competizione elettorale, si quantifica in almeno Euro 150.000“. Il candidato, conclude, “accetta espressamente la predetta quantificazione del danno all’immagine che subirà il M5S in caso di violazioni dallo stesso poste in essere alle regole contenute nel presente codice e si impegna pertanto al versamento del predetto importo, non appena gli sia notificata formale contestazione a cura dello staff”.

Intanto per il team Raggi è corsa contro il tempo per trovare i nomi che completino la squadra. Nelle scorse ore su Facebook è scoppiato il caso di Rolando Ramieri, membro dei gruppi di discussione M5s in Municipio IX, a Roma, che ha lanciato l’annuncio, dalla sua pagina social che recitava: “Se a qualcuno dei miei amici di Facebook interessasse svolgere il compito di assessore municipale al IX Municipio e ritenesse di possedere le competenze giuste mi contatti in privato così da fornirgli le informazioni per inviare il suo cv allo staff del nuovo presidente del Municipio. Astenersi commenti inutili e perditempo di governo”. Lo stesso Ramieri, seppellito dalle richieste e dai cv, poi ha ammesso “di aver commesso una leggerezza nel pubblicare sul mio profilo la richiesta di ricerca di assessori. Io non ricopro nessun ruolo né nel gruppo IX Municipio né tantomeno all’interno del M5S romano”.