Morto a 27 anni, schiacciato accidentalmente tra la sua jeep e il cancello di casa. Anton Yelchin, il Chekov di Star Trek, la faccia pulita da bambino che aveva mostrato carattere e mestiere tra i grandi del cinema americano, risulta essere rimasto vittima di una assurda dinamica automobilistica sulla stradina privata davanti alla propria villa hollywoodiana, durante la notte tra sabato 18 e domenica 19 giugno. L’attore nato a Leningrado in Russia nel 1989 è stato ritrovato morto la mattina di domenica dopo che un gruppo di amici e colleghi si era preoccupato della sua assenza alla prova generale per la lettura di un copione. Sono stati proprio due suoi amici a recarsi per primi nella casa di Yelchin nella San Fernando Valley per controllare dove fosse l’uomo.

Arrivati sul posto si sono ritrovati di fronte ad una scena raccapricciante: il cadavere dell’amico 27enne rimasto schiacciato tra il cancello e la parte posteriore della sua jeep Grand Cherokee. A nulla sono valsi i soccorsi, perché Yelchin sembra essere morto sul colpo. Secondo la ricostruzione degli investigatori, l’attore sarebbe uscito di casa, avrebbe fermato l’auto sul vialetto in notevole pendenza davanti casa sua, poi sarebbe uscito per motivi sconosciuti verso il cancello della sua villa. A quanto pare il freno a mano della Grand Cherokee avrebbe ceduto dopo pochi secondi e l’auto – due tonnellate e duecento chilogrammi di peso – avrebbe percorso pochissimi metri a tutta velocità, vista la pendenza, travolgendo Yelchin e piegando perfino mezza parte di cancello, come tutte le immagini dell’incidente mostrano in queste ore online. Nonostante l’ufficialità della versione dell’incidente non sia ancora stata data, molti tabloid anglofoni stanno pubblicando la notizia di una lunga sequenza di guasti in serie che riguarda la Jeep Grand Cherokee (prodotta dalla Fiat Chrysler ndr). Secondo il sito Gizmodo.com l’incidente potrebbe essere accaduto per via di un difetto di questa categoria di auto, riguardante alcuni problemi tra cambio e freno, come confermato da un documento spedito da Fiat Chrysler nel mese di aprile 2016 riguardante un difetto nelle Jeep Grand Cherokee fabbricate tra il 16 luglio 2012 e 22 Dicembre 2015. Non si sa esattamente quando Yelchin ha acquistato la sua Cherokee, ma la dinamica della morte sembra confermare la triste sequenza di incidenti provocata da questo difetto dell’auto, segnalato perfino dalla propria casa madre, che in questi anni ha provocato 212 incidenti e 41 feriti.

Yelchin aveva raggiunto notevole popolarità grazie all’interpretazione di Chekov in Star Trek, l’ammiraglio chiaramente d’origine russa, che avevamo visto fin dal film di J.J.Abrams nel 2009, poi di nuovo in Into Darkness nel 2013, e che rivedremo in Star Trek Beyond di Justin Lin nelle sale di tutto il mondo il prossimo 21 luglio 2016. La notevole carriera del giovane attore di Leningrado era iniziata con una breve apparizione nella serie ER nel 2000, poi aveva preso definitivamente il largo con Charlie Bartlett. Film del 2007 diretto da Jon Poll, in cui il 17enne Yelchin, coadiuvato da un mostro sacro come Robert Downey Jr., interpreta brillantemente la parte di un indisciplinato e buffo studentello che si barcamena tra Ritalin e sedute psichiatriche nei bagni della scuola. Nel 2009 è Kyle Reese, il soldato resistente innamorato di Sarah Connor, in Terminator Salvation. Nel 2011 combatte il vampiro Colin Farrell nel divertente horror Fright Night. Poi ancora protagonista in Solo gli amanti sopravvivono di Jim Jarmush (2013) e tante parti importanti nel cinema indie (Rudderless, Cymbeline, Experimenter) quello da special screenings a Toronto e al Tribeca, fino all’ultimo horror Green Room, dove è uno dei componenti di una band punk.