Mariangela Mancini è stata ritrovata morta. La donna, 33 anni, era scomparsa dalla sua abitazione a Borgorose (Rieti) giovedì mattina (12 maggio). Il suo cadavere era trovava a poche centinaia di metri dalla casa dei genitori, in località Spedino. A quanto riferiscono gli inquirenti, si trovava nella macchia, in fondo a un fosso che costeggia la strada che conduce a Borgorose, con accanto una bottiglia in plastica contenente acido. I carabinieri, del reparto operativo di Rieti e della stazione di Borgorose, al momento non escludono alcuna ipotesi, compresa quella dell’omicidio. A Spedino è atteso a minuti l’arrivo del medico legale e del sostituto procuratore Cristina Cambi.

I familiari di Mariangela Mancini ne avevano denunciato la scomparsa ai carabinieri di Borgorose giovedì mattina. Sono subito partite le ricerche anche con l’impiego di un elicottero e di una squadra del soccorso alpino. Mariangela Mancini, secondo quanto avevano riferito i familiari, ieri mattina, prima di sparire, era uscita per andare a casa della madre.