E’ stata trovata morta nel suo appartamento a Firenze. Sul collo sono stati segni ed ecchimosi che lasciano pochi dubbi agli investigatori: Ashley Olsen è stata strangolata. E’ dare l’allarme è stato il fidanzato della 35enne americana che da anni viveva nel capoluogo toscano.

L’uomo ha raccontato alla squadra mobile che tra giorni fa avevano litigato e da quel momento non si erano più visti. In questi questi giorni ha cercato più volte di contattarla. Senza mai ottenere una risposta. Per questo ha chiesto alla proprietaria della casa di portargli le chiavi e di andare con lui a vedere cosa fosse accaduto. Quando i due sono entrati nell’appartamento hanno scoperto il corpo.

La Olsen lavorava nel mondo dell’arte, così come il padre che vive a Firenze e ha proceduto al riconoscimento del cadavere. Anche il fidanzato, fiorentino, è pittore. L’appartamento preso in affitto dalla 35enne, originaria della Florida, è al primo piano di un palazzetto in via Santa Monaca: una stradina corta che collega la trafficatissima via dei Serragli a piazza del Carmine, una delle zone più popolose dell’Oltrarno fiorentino.

In questura sono ascoltati oltre al fidanzato e alla proprietaria dell’appartamento, anche alcuni vicini di casa e negozianti della zona. La strada non ha telecamere di sicurezza ed eventuali richieste di aiuto da parte della donna potrebbero non essere state sentite anche a causa del traffico della vicina via dei Serragli. Intanto la polizia postale ha sequestrato il pc di Ashley Olsen, che potrebbe rivelare alcuni dei suoi ultimi contatti prima di essere uccisa.