Massimo Tononi è il nuovo presidente di Banca Mps. Lo ha eletto l’assemblea dei soci riunita a Siena con oltre il 98% delle azioni rappresentate oggi in sala. Tononi è stato chiamato a sostituire Alessandro Profumo, che si è dimesso il 24 luglio scorso con decorrenza dal 6 agosto. Il suo nome era stato proposto da Fondazione Mps, a cui oggi resta l’1,49% del capitale dell’istituto, e dai fondi Fintech e Btg Pactual. Il ministero dell’Economia, diventato socio di Mps con il 4% del capitale in seguito al pagamento in azioni degli interessi sui Monti bond, non ha partecipato al voto.

Tononi, 51 anni, trentino, ha lasciato il 7 agosto la presidenza di Borsa Italiana per assumere questo nuovo incarico. Ha lavorato in Goldman Sachs ed è stato assistente di Romano Prodi quando il Professore guidava l’Iri. Nel 2006, durante il secondo governo Prodi, è poi diventato sottosegretario al ministero dell’Economia, che era guidato da Tommaso Padoa-Schioppa. Nel 2008, dopo la caduta dell’esecutivo, è tornato in Goldman, dove ha ancora il ruolo di advisory director. E’ anche nel consiglio della London Stock Exchange, la borsa di Londra, è presidente non esecutivo di Prysmian e dell’Istituto Atesino di Sviluppo e consigliere di amministrazione di Italmobiliare. Si insedierà alla presidenza della banca durante la riunione del consiglio di amministrazione prevista per il 22 settembre.