Tre punti e mezzo. E’ il distacco che, se si votasse oggi, ci sarebbe tra Partito democratico e Movimento Cinque Stelle al ballottaggio secondo un sondaggio di Emg per il Tg La7. Una forbice – tra democratici e grillini – che si assottiglia rispetto al 20 luglio, il precedente dato dell’istituto diretto da Fabrizio Masia. Il M5s, infatti, guadagna l’1,1, cifra che ovviamente perde allo stesso tempo il Pd. Dati che vanno sottoposti come sempre alla premessa che per sondaggi di questo tipo si deve tenere conto di un margine d’errore del 3 per cento. Scenario che sembra essere confermato da un altro sondaggio, effettuato dall’istituto Piepoli per l’Ansa: in questo caso il divario tra Pd e M5s sarebbe tra il 4 e il 5 per cento.

ballottaggioEmg: Pd al 32,5%, M5s sfiora il 26. Ma il centrodestra unito arriva al 31
Il partito del nuovo corso renziano, abbandonati da tempo i valori del 40,8 per cento delle Europee, sta riprendendo ossigeno dopo la flessione dell’estate. Attualmente, secondo Emg, raccoglierebbe il 32,5 per cento, recuperando lo 0,6 rispetto al 20 luglio. In aumento di mezzo punto percentuale rispetto a un mese e mezzo fa anche il Movimento Cinque Stelle che sfiora il 26 per cento (25,9, punte toccate molto raramente). Cala invece la Lega Nord dopo i fuochi d’artificio dell’estate, caratterizzata dall’emergenza immigrazione (che in un primo momento pareva essere solo un problema italiano e si è trasformato in una questione europea): il Carroccio resta comunque intorno al 15 per cento (15,1 rispetto al 15,8 di luglio). Stabile Forza Italia all’11,6 , mentre Fratelli d’Italia raggiungerebbe il 4,4 (+0,2).

indecisi astensioneIn questo caso vale la pena aggiungere che se unissero le forze i tre partiti di centrodestra più “simili tra loro” (Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia) metterebbero insieme il 31,2 per cento, scavalcando così il M5s e conquistando così il secondo turno. Un dato che ricorre in numerosi sondaggi delle ultime settimane. 

fiducia leaderQuanto alle altre forze politiche, riuscirebbero a conquistare seggi in Parlamento sia Area Popolare (Ncd più Udc) che supererebbe di poco la soglia di sbarramento del 3% (3,6, in calo dello 0,4) e Sel che arriverebbe al 3,8 (stabile). Si amplia, anche se di poco, la quota di chi non si presenterebbe alle urne: gli astensionisti sono stimati al 40,8 per cento, in aumento dell’1,2. Gli indecisi sfiorano il 20 per cento.

piepoliPiepoli: per M5s più speranze al ballottaggio con Di Maio
L’istituto Piepoli fotografa – nel sondaggio per l’Ansa – un potenziale elettorale dei partiti è simile a quello prospettato da Emg. Il Pd è al 33 per cento (+0,5%), davanti al Movimento Cinque Stelle (25,5, stabile), alla Lega Nord (15, -0,5) e Forza Italia (10, stabile). Nella nuova Camera entrerebbero Sel e Fratelli d’Italia (ciascuno acciuffa il 4 per cento), ma non il Nuovo Centrodestra che si fermerebbe al 2,5.

piepoliMa a suggerire qualcosa in più sono alcuni “esperimenti” che Piepoli fa per il ballottaggio. Primo scenario: il Pd arriva al ballottaggio con il M5s. Se i Cinque Stelle si presentassero con Beppe Grillo candidato premier (cosa improbabile visto che lui stesso ha più volte ha ribadito di non voler ricoprire questo ruolo) si fermerebbero al 45 per cento contro il 55 del Pd. Se invece puntassero sul vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, ridurrebbero ulteriormente il distacco: 46 a 54.

Qualcosa di analogo succederebbe nel centrodestra. Se il candidato fosse Silvio Berlusconi il centrodestra non supererebbe il 40 per cento, contro il Pd sempre vincente al 60. Se fosse Matteo Salvini, invece, si prospetterebbe un risultato di 58 a 42 per i democratici e Matteo Renzi.