Adesso potete dimettervi.
Onorevoli parlamentari che avete votato alla Camera a favore di una legge che dispone e regolamenta interventi sull’autismo senza prevedere un euro di spesa aggiuntiva potete dimettervi.
Potete dimettervi perché avete esaurito nel modo più eclatante la vostra funzione: non servite a nulla.
Una legge sull’autismo senza soldi è il nulla.
E forse anche peggio.

Avevo già segnalato in un precedente post le perplessità e mi ero riproposto di seguire l’iter della legge ma a questo non pensavo proprio si potesse giungere.
Incapacità? Ignoranza? Inesperienza?
Forse qualcosa di tutto ed anche, questo è molto più terribile, la mancanza di coraggio.
Sì, proprio quel coraggio che serve quando ci si rende conto che quello che si sta votando non serve a niente.

Cari parlamentari del Pd Argentin, Coccia, Faraone, Puglisi (cito in ordine alfabetico quelli che conosco avendoli incontrati personalmente) si possono imbrogliare gli italiani con gli 80 euro, con i dati sulla occupazione o sulla lotta alla corruzione (!) ma sulla pelle dei bambini autistici è veramente indecoroso.

Cari parlamentari ciascuno di voi sa che la legge sull’autismo non serve a nessun soggetto autistico sprovvista di fondi.
Forse sarà contento il presidente Mattarella della legge che aveva auspicato ma qualcuno di voi può, per favore, salire al Colle a spiegargli che non sarà utile a nessuno il vostro “immane” sforzo legislativo?
E subito dopo rassegnare le dimissioni.
Grazie.