Un malore al volante? Per i media spagnoli sì, per il manager no. Rimane questa, però, l’ipotesi alla base di quanto accaduto al circuito di Montmelò, a Barcellona, dove il pilota della McLaren Fernando Alonso è uscito di pista alla curva 4 a pochi minuti dalla fine della sessione mattutina della quarta e ultima giornata dei test di Formula 1. Le immagini delle telecamere di pista, infatti, mostrano una dinamica alquanto strana, come confermato peraltro dal pilota della Ferrari Sebastian Vettel (“Fernando andava piano”). Alonso, infatti, procedeva a velocità relativamente bassa, tanto da riuscire quasi ad accostare la sua Formula 1 prima di andare a sbattere. Secondo quanto riferiscono i media spagnoli, invece, Alonso avrebbe addirittura perso i sensi e per questo avrebbe improvvisamente rallentato per poi finire fuori pista con la sua McLaren. Per Marca, inoltre, a far pensare al malore anche il fatto che il pilota spagnolo sia rimasto per una decina minuti privo di sensi nella vettura, prima di essere estratto dall’abitacolo.

video tratto dal canale Youtube TR F1

Questa versione, però, è stata smentita nel pomeriggio dal manager dell’ex ferrarista. A sentire Luis Garcia Abad, infatti, Alonso non si è sentito male prima dell’incidente. “La monoposto ha perso aderenza, c’era tantissimo vento in pista – ha spiegato – Fernando è sempre stato cosciente, si è sottoposto ad una serie di esami a scopo precauzionale, sta bene. Dovrà rimanere sotto osservazione per 24-48 ore, ma tutti i controlli sono andati bene. Adesso se ne sta tranquillo in camera”, ha aggiunto. Parole in linea con quelle che Flavio Briatore, da sempre vicino al driver, ha scritto su Twitter: “Fernando sta bene tutti i test sono negativi. Solo un po di riposo e poi più forte che mai… Vamos”.

Subito soccorso dagli assistenti alla pista, dopo l’incidente il pilota è stato sedato dai medici perché apparso in evidente stato di agitazione. Successivamente è stato portato in ospedale a Barcellona in elicottero per effettuare i controlli del caso. Le sue condizioni non destano particolari preoccupazioni, ma serviranno altri esami per comprendere cosa sia successo. “Il pilota è cosciente e ha parlato con i dottori” ha riferito uno dei portavoce della Federazione internazionale sul circuito di Barcellona. Si attendono nelle prossime ore ulteriori informazioni e un comunicato della McLaren. Immediato, invece, è arrivato il tweet di auguri della Ferrari, ex squadra di Alonso: “In bocca al lupo Fernando. All the best Fernando”.

Più tecnico il commento del ferrarista Sebastian Vettel, che era alle spalle di Alonso al momento dell’incidente. “E’ sembrato strano – ha detto il pilota della rossa – Era davanti a me e andava relativamente piano, credo andasse a circa 150 km orari”, ha detto il pilota tedesco, come riferisce il magazine Auto, motor und sport. “Poi, è andato a destra verso il muro e lo ha urtato un paio di volte. A quel punto l’ho perso di vista” ha aggiunto. Per quanto riguarda il lato sportivo, è di Carlos Sainz Jr sulla Toro Rosso il miglior tempo nella sessione mattutina dell’ultimo giorno di test al Montmelò. Con 1’25″604, lo spagnolo ha preceduto Sebastian Vettel su Ferrari di 0.708 centesimi. Il tedesco ha effettuato 59 giri e questo pomeriggio dovrebbe effettuare una simulazione di Gran Premio. Terzo tempo per Nico Hulkenberg su Force India a 0.987 centesimi, quarto Nico Rosberg su Mercedes 1.178. Poi Fernando Alonso su McLaren +2.352. Sesto posto per Romain Grosjean su Lotus a 2.425, seguito da Daniil Kvyat su Red Bull a 2.545 e infine da Valtteri Bottas su Williams a 2.567.