“Hello we are back”. Il gruppo di Nigel Farage e Beppe Grillo al Parlamento europeo “è tornato”. L’annuncio lo dà per primo l’eurodeputato David Coburn che su Twitter scrive il messaggio, poi seguito da una nota dei due copresidenti (Farage e David Borrelli). Continua la tormentata vita dell’Efddformazione prima sciolta per l’addio di una parlamentare della Lettonia (Iveta Grigule), ora rinasce grazie a Robert Iwaszkiewicz, rappresentante polacco del Kpn. Secondo le regole di Bruxelles, ogni gruppo ha bisogno di rappresentanti provenienti da almeno 7 Stati membri. Una clausola che rende molto debole l’Efdd, la formazione che comprende i deputati di Farage e Grillo, perché legati ai singoli deputati che permettono di raggiungere il numero minimo di stati.

Il polacco Robert Iwaszkiewicz viene dal partito di estrema destra Knp ed è diventato famoso alle cronache di Bruxelles per alcune sue dichiarazioni. In una intervista del 31 maggio affermò che “picchiare la moglie in certi casi la aiuterebbe a tornare con i piedi per terra”. Nell’intervista con la Gazeta Wroclawska, rilasciata pochi giorni dopo l’elezione alle europee, Iwaszkiewicz sosteneva anche che “non è giusto che lo stato dica come dobbiamo educare i figli, se gli dò un ceffone rischio di andare in galera, invece rafforzerebbe il loro carattere e permetterebbe loro di affrontare meglio le situazioni di crisi”. Inoltre nell’intervista il polacco difendeva il leader del partito, Janusz Korwin-Mikke, negando che fosse un negazionista dell’Olocausto: “Ha semplicemente detto che non ci sono prove che Hitler ne fosse a conoscenza e se fosse rimasto vivo sarebbe stato difficile provare che lo fosse”. Due giorni dopo la pubblicazione dell’intervista, il quotidiano ha pubblicato una dichiarazione di Iwaszkiewicz in cui sosteneva di essere stato “male interpretato” e che il giornalista non aveva colto “il sarcasmo e l’ironia” delle dichiarazioni sul picchiare moglie e figli.

Al di là delle sue posizioni, il polacco è la pedina che permette all’Efdd di rinascere. Il timore per M5s e Ukip era quello di essere costretti a sedere tra i banchi dei “senza casa” e di perdere così fondi e tempi di parola. Da alcuni giorni il leader nazionalista inglese Farage era impegnato alla ricerca di nuove adesioni per poter far ripartire la formazione. Un tentativo supportato in parte dai 5 stelle, anche se all’interno del gruppo non sono mancate le perplessità. Tanti gli inviti arrivati anche da altri partiti politici per chiedere ai grillini di unirsi ad altri schieramenti già esistenti. “Valuteremo con calma ogni opzione”, aveva detto a ilfattoquotidiano.it Ignazio Corrao, capogruppo M5s a Bruxelles, “e poi deciderà la rete”.