Un’interrogazione al Parlamento europeo, ma con la foto sbagliata. Il Movimento 5 stelle Europa sul blog di Beppe Grillo ha pubblicato un articolo in cui chiede alle istituzioni maggiore prevenzione e attenzione per il virus Ebola e non solo in Africa. Ma nel far circolare la notizia, il blog ha usato sui social network la foto di un uomo di colore che in realtà è morto in Rhodesia negli anni ’60. E in rete sono cominciate le polemiche: “La foto usata da #Grillo su #ebola è tarocca”, ha scritto su Twitter il responsabile Comunicazione del Pd Francesco Nicodemo. “Beppe Grillo è un untore di foto taroccate e di allarmismi”, ha detto il senatore Pd Mario Morgoni. “Diffonde falsità su questioni serissime solo per tornare a galla”.

I 5 Stelle in Europa hanno fatto un’interrogazione per chiedere trasparenza sull’uso dei 147 milioni investiti dall’Unione per aiutare i Paesi dove si è registrata l’epidemia.”Una stretta di mano, un bacio sulla guancia, un rapporto sessuale: per contrarre il virus dell’Ebola basta poco e se lo prendi, muori. Dopo 7-10 giorni arrivano i primi sintomi che corrodono l’anima. Diarrea, vomito, congiuntivite prima, poi delirio, shock e perdita di sangue. Infine la morte. Tutto questo non è un film genere splatter, succede a pochi km dall’Europa. Anzi succede già in Europa. Noi siamo preoccupati e non prendiamo sottogamba questa pandemia”, scrivono i cinquestelle. “L’Ebola ha già provocato 1.900 morti in tutto il mondo. Eppure non si fa nulla di concreto per prevenirla. Se per l’influenza aviaria e la Sars l’allarme mediatico e politico era stato al massimo, oggi l’ebola passa sotto silenzio. Eppure facendo una macabra comparazione del numero dei decessi, Sars e Aviaria hanno ucciso molto meno. L’Ebola, a differenza loro, uccide 9 pazienti su 10. Se lo prendi, muori”.

“Non vorremmo”, continuano i 5 Stelle, “che l’Ebola fosse considerata una pandemia di serie B proprio perché non c’è ancora un vaccino efficace da vendere. La Commissione europea ha stanziato 147 milioni di euro per aiutare i Paesi africani. Noi temiamo che questi soldi vadano nelle mani sbagliate, quelle della burocrazia e dei potentati locali. Bisogna invece migliorare la sicurezza alimentare, l’approvvigionamento idrico e le strutture igienico-sanitarie”. E tra le richieste dei grillini c’è un maggiore intervento delle istituzioni europee: Noi chiediamo che faccia pressioni sul Consiglio europeo affinché invii una raccomandazione a tutti i Paesi membri, Italia compresa, per far presto e aumentare al massimo tutte le misure di prevenzione”.