Articolo 21 darà voce a spazio al No Porcellum day e alla staffetta di solidarietà promossa da centinaia di persone per dare sostegno allo sciopero della fame del deputato Bob Giachetti, giunto al 24^ giorno di sciopero della fame. Ci sembra ancora più giusto e doveroso farlo a poche ore dalla decisione, assunta a stretta maggioranza, di utilizzare il voto palese nella prossima votazione sulla decadenza di Berlusconi. Quella decisione, per altro suffragata dai precedenti Andreotti e Lusi (ed allora non esisteva neppure la legge Severino), è una vittoria per chi, in questi anni, ha detto no ai trucchi, alla compravendita dei parlamentari, ai conflitti di interesse, alle bugie palesi, vedi Ruby, imposte a colpi di voti segreti e votazioni di fiducia.

Il voto palese è stato strappato grazie ad una maggioranza anomala, inedita, composta da Pd, 5 Stelle, Sel, un pezzo di Scelta Civica, una sola defezione avrebbe comportato la sconfitta. Ora quella stessa maggioranza ha il dovere di restituire il “voto palese” ai cittadini, sottraendoli al ricatto del Porcellum, una legge elettorale che ha sequestrato il diritto di scelta e che ha corrotto in profondità l’ordinamento democratico. Chi ha scelto il voto palese sulla decadenza di Berlusconi, ora non si fermi e, sempre in modo palese,voti anche per abrogare il Porcellum e il conflitto di interessi. Oggi insieme per il Noporcellumday, domani per il Noconflittodinteressiday!