L’Italia non chiederà aiuti all’Europa, il Paese avrà presto una forte legge contro la corruzione ma soprattutto l’esperienza di Mario Monti al governo si esaurirà nella primavera del 2013. A dirlo è lo stesso presidente del Consiglio, intervistato dalla Cnbc a margine dei lavori del workshop di Cernobbio.

Il Professore, nei giorni in cui da più parti si auspica un Monti bis, ha assicurato che il suo “orizzonte finisce ad aprile 2013″. “Nessun dubbio” ha ribadito al giornalista che lo incalzava sul punto. 

Ma soprattutto Monti ha assicurato che l’Italia avrà una forte legge contro la corruzione prima della fine della legislatura. “E’ importante avere più investimenti – afferma il capo del governo – sia che siano provenienti da italiani, sia da non italiani”. “La nostra politica – continua – è ‘porte aperte’ agli investimenti”. E, ha continuato, “usiamo l’argomento che questo è un paese che ha enormi potenzialità” ed è “pienamente impegnato a realizzare le riforme strutturali“. Inoltre, ha proseguito, “il sistema politico sta cercando un nuovo impegno, combattiamo l’evasione fiscale e stiamo semplificando la burocrazia”.

E sugli aiuti Monti ha di nuovo assicurato che l’Italia non chiederà aiuti: “Può darsi che un giorno li si chieda e non sarà un dramma”.