Se i mercati avevano bisogno di una boccata d’ossigeno, di una ventata di fiducia ecco qua il messaggio “forte e chiaro” arrivato dalla Lancester House di Londra, dal presidente della Bce, Mario Draghi. Poche parole ma più incisive di un’iniezione di liquidità della Bce (“Siamo pronti a tutto per salvare l’euro”) che sono riuscite nel miracolo di rafforzare i mercati e depotenziare lo spread, sceso sotto i 500 punti nel giro di 10 minuti dai 520 dell’apertura, per attestarsi sui 480 punti alle 13.10 e ancora a 470 (minimo toccato 469,5). A fine giornata il differenziale chiude a 473 punti. Anche la borsa, subito balzata da +0,60% ad un +2% per poi segnare un avanzamento a oltre il 5% e chiudere al 5,62%. Anche il capo del Fondo monetario internazionale Christine Lagarde, presente all’incontro con Draghi rilascia una dichiarazione forte: “Il primo rischio nei confronti dell’economia mondiale è la doppietta deficit-debito degli Usa”. 

Sarà stato lo “spirito” olimpico che aleggia su Londra a poco più di 24 ore dall’inaugurazione dei Giochi o forse la necessità di mandare segnali alla speculazione galoppante degli ultimi giorni, tant’è che il presidente della Bce – dopo tre giornate tremende – è riuscito nell’intento di risollevare le sorti di mercati finanziari, differenziale tra i titoli di Stato e performance dell’euro stesso (schizzato dell’1% e ora viaggia sui 1,2283 nei confronti del dollaro). Ospite del premier britannico David Cameron, insieme ai colleghi della Banca d’Inghilterra, Mervin King, della Banca del Messico Agustin Carstens e del Brasile, Alexandre Tombini, il numero uno dell’Eurotower ha ricordato “i progressi straordinari compiuti dall’area euro negli ultmi sei mesi”, un periodo turbolento che ha messo a dura prova la tenuta del sistema che ora – è il massaggio che parte da Londra all’indirizzo di Bruxelles e dei Paesi big dell’eurozona – dovra marciare più fore ma soprattutto “più unito”. “L’euro è irreversibile e la Bce è pronta a fare tutto il necessario per salvare la moneta unica”, il preambolo di Draghi che ha ripetuto ancora una volta come “l’area euro è più forte di quanto non le venga riconosciuto” ed “è impensabile immaginare la possibilità che un Paese possa uscire dall’eurozona”.

I firewall (lo scudo antispeculazione), ha aggiunto, “sono pronti a funzionare meglio che in passato”, però è necessario uscirne dalla frammentazione finanziaria”, arrivare ad una vera unione bancaria, finanziaria e fiscale, anche perchè – ha lamentato Draghi – il mercato interbancario tra i vari Paesi non sta funzionando al meglio”. Comunque, prima o poi, “si arriverà alla condivisione della sovranità nazionale Ue”. Un invito, tra l’altro, chesto in presa diretta al presidente della Bce dall’ad di Vodafone, Vittorio Colao, ospite della ristrettissima platea della Lancester House. Il manager italiano, al termine dell’intervento di Draghi, lo ha bonariamente provocato chiedendo a se non fosse l’ora di dire “forte e chiaro” che solo “l’unione politica in Europa è in grado di placare i mercati”. Diplomatica ma realistica la risposta di Draghi che ha sostenuto che “ora le cose si stanno muovendo molto rapidamente”. Il problema di fondo, o meglio il retaggio che la crisi si porta dietro, ha aggiunto, “è che negli ultimi 10 anni, sia a livello nazionale che a livello europeo, i governi non hanno fatto nulla”.

Le Borse. Le rassicurazioni di Draghi hanno spinto le borse europee a chiudere in forte rialzo. Volano Milano e Madrid grazie al ritorno degli acquisti sui bancari, favoriti dal crollo dei rendimenti dei titoli di Stato italiani e spagnoli. In forte rialzo anche Parigi, dove il Cac 40 cresce del 4,07% a 3.207,12 punti. Guadagni relativamente minori per Francoforte, con il Dax su del 2,75% a 6.582,96 punti, e l’Ftse 100 di Londra, che si issa dell’1,36% a 5.573,16 punti.

Lo spread Btp-Bund. Le dichiarazioni del capo dell’Eurotower continuano a far restringere anche il differenziale tra Btp decennali e Bund tedeschi equivalenti, che scende e chiude a 473 punti per un rendimento del 6,04%. Il differenziale calcolato sui Bonos spagnoli crolla a 563 punti per un tasso del 6,94%.

Mercoledì Monti in Finlandia. “La situazione economica dell’Unione europea” sarà al centro dell’incontro tra il primo ministro finlandese Jyrki Katainen e il premier Mario Monti, che sarà a Helsinki il primo e il 2 agosto”. Così una nota del governo finlandese annuncia la missione di Monti, su invito del suo omologo, ricordando che Katainen aveva esortato l’Italia a mettere in ordine le finanze pubbliche. I colloqui, secondo la nota, verteranno anche sui rapporti bilaterali tra Roma e Helsinki. Monti incontrerà anche il presidente della Repubblica, Sauli Niinisto, il presidente del parlamento Eero Heinaluoma e i presidenti delle commissioni parlamentari. La Finlandia, come noto, è tra i Paesi che più si sono battuti contro la linea di Monti all’ultimo consiglio europeo di fine giugno in particolare sui meccanismi anti-spread.

Incontro Monti-Rajoy a Madrid. La missione di Monti proseguirà sempre il 2 agosto a Madrid, dove incontrerà il premier spagnolo Mariano Rajoy. Il governo spagnolo nel frattempo esclude la richiesta all’Unione Europea di un salvataggio dopo le riunioni avute dal ministro di Economia Luis de Guindos con i suoi omologhi di Germania e Francia negli ultimi due giorni. “Si esclude sia di chiedere un salvataggio come l’hanno fatto Grecia, Portogallo e Irlanda, sia di sollecitare formalmente al fondo europeo salva-Stati Efsf l’acquisto di debito sovrano spagnolo”, assicurano fonti governative citate oggi da El Mundo. Per il momento, l’esecutivo presieduto da Rajoy sta tentando a tutti i costi di evitare di ricorrere agli aiuti per non dover passare per le forche caudine della Troika, come già è avvenuto nel caso di Grecia, Irlanda e Portogallo. E scarta anche l’ipotesi di ricorrere al fondo salva stati che sarebbe abilitato a comprare titoli di debito sovrano.

Fmi all’Europa: “Italia e Spagna applichino le misure annunciate”. “E’ importante che le misure politiche annunciate in Italia e Spagna vengano applicate” ha dichiarato David Hawley, portavoce del Fondo Monetario Internazionale, durante un briefing con la stampa. Hawley ha scelto di non rispondere a chi gli chiedeva se “i mercati avessero torto o ragione” a proposito degli attuali rendimenti dei titoli di Stato di Roma e Madrid. “La Spagna ha adottato misure forti e di ampio respiro”, ha aggiunto il portavoce e sarà aiutata da ulteriori progressi a livello europeo. Hawley ha inoltre lodato le dichiarazioni a sostegno dell’euro rese oggi dal presidente della Bce Draghi, affermando che “sono una gradita conferma del noto impegno di Francoforte a fare ciò che è necessario”.

“In Italia – ha concluso il portavoce del Fmi – sono state varate riforme strutturali che sono importanti per cambiare la pubblica amministrazione e rendere il mercato del lavoro più flessibile e inclusivo”.

Va più oltre la numero dell’Fmi, Christine Lagarde, che rileva che “se avessi la bacchetta magicafarei in modo che l’Europa creasse più Europa. Il summit di giugno deve essere primo passo verso una confederazione degli stati uniti d’Europa”. “L’Europa – ha aggiunto – è, come ovvio, l’epicentro della crisi ma anche gli Usa sono ancora a rischio” per il loro deficit e il debito elevatissimi.

Lagarde: “Dagli Usa il rischio numero uno”. Poi la numero dell’Fmi passa alla condizione dell’economia statunitense (definita il primo problema per l’economia mondiale) dicendo che “il rischio numero uno, partendo da ovest, è il ‘dirupo fiscale’ negli Usa, dove il deficit e il debito sono peggio che nell’Eurozona e dove non ci sono 17 congressi, 17 corti supreme e 17 governi. Quindi sarebbe presumibilmente più facile anche se c’è grande incertezza su come il Congresso affronterà questo dirupo fiscale”. La Lagarde ha quindi sottolineato che l’altro grande fattore di instabilità per la crescita globale risiede “prezzi del petrolio”.

Lo studio di Citigroup: “Grecia fuori dall’euro al 90%”. Inutile ricordare che sull’Europa si erano addensate (e ancora restano) numerose e notevoli nubi nere. L’ultimo tassello l’hanno messo oggi gli analisti di Citigroup che in uno studio danno al 90% le probabilità che la Grecia esca dall’euro nell’arco dei prossimi 12-18 mesi. In un nuovo studio sulla crisi, riferisce Bloomberg, la banca ha rivisto la precedente stima che vedeva tra il 50 e il 75% le possibilita di un’uscita di Atene dalla moneta unica. Per gli analisti di Citigroup l’addio all’euro della Grecia dovrebbe avvenire molto probabilmente tra due o tre trimestri. Gli analisti di Citigroup si aspettano l’uscita della Grecia dall’euro il primo gennaio del 2013, ma spiegano che non si tratta di una stima su una data precisa. 

Barroso: “La Grecia resterà”. Non è di questo parere il presidente della Commissione europea Josè Manuel Barroso che oggi ha incontrato il premier greco Antonis Samaras: “La Grecia – ha detto – è parte della famiglia europea e dell’eurozona, e così resterà”. “La Grecia può farcela – ha insistito – e la Grecia e l’Unione Europea ce la faranno”, ha aggiunto Barroso da Atene, sottolineando però che per questo entrambe le parti devono “onorare” i rispettivi “impegni”. Il futuro della Grecia, ha ribadito il presidente della Commissione Ue, “è dentro l’eurozona e di restare nell’eurozona”, perchè questo costituisce “la migliore opportunità per evitare che le difficoltà pesino sulle spalle di chi si trova in una posizione più vulnerabile”. “I ritardi” nell’attuazionedegli impegni presi dalla Grecia con il secondo programma di aiuti “devono finire”, perchè “le parole non sono sufficienti, i fatti sono più importanti”.

Atene: pronti altri tagli per quasi 12 miliardi. Intanto la Grecia continua, quasi disperatamente, a recuperare terreno per restare nell’Eurozona anche perché di tempo, soprattutto la classe dirigente e politica, ne ha perso parecchio anche negli ultimi mesi. In vista ci sono nuovi tagli. Il ministero delle Finanze intende portare alle casse dello stato 11,7 miliardi di euro per il periodo 2013-14 con un piano di tagli alle pensioni, ai sussidi sociali, alle spese per il settore sanitario e all’indennità di fine lavoro. Il premier Antonis Samaras ne parla oggi a mezzogiorno in un incontro con i leader dei partiti che sostengono la coalizione di governo: Evaghelos Venizelos del Pasok e Fotis Kouvelis della Sinistra Democratica. La decisione avviene in un clima di grande incertezza, soprattutto per effetto degli attacchi di ambienti economico- finanziari internazionali, che paventano il fallimento o l’abbandono dell’euro da parte di Atene. 

Degli 11,7 miliardi richiesti per il biennio, quasi la metà, 5 miliardi di euro, verranno dai tagli nel Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. La lista dei tagli proposti dal Ministero delle Finanze, sara sottoposta dal Ministro delle Finanze, Giannis Sturnaras, all’approvazione dei rappresentanti della troika (Fmi, Ue e Bce), nel loro incontro previsto per oggi.

Per il momento l’accordo è soltanto sull’entita dei tagli, intorno agli 11,5 miliardi di euro, da effettuare tra il 2013 e il 2014. Ma per dove farli, i tre leader della maggioranza al governo in Grecia non hanno ancora raggiunto un’intesa in un incontro oggi ad Atene e si rivedranno lunedì, scrive Ekathimerini online. 

 

Pauel Tomsen, il rappresentante del Fondo Monetario Internazionale, si è detto soddisfatto per l’andamento delle trattative con il governo ellenico, dopo l’incontro avuto, insieme agli altri due rappresentanti della troika, Servaz Deruz (Ue) e Claus Masuch (Bce), con il ministro delle Finanze Giannis Sturnaras. Tomsen ha riferito poi che non si sa ancora quando la Troika – che domani ha in agenda un colloquio con il premier Samaras – tornerà ad Atene.

Il Pasokl: “La Grecia non sia come Ifigenia”. L’ex ministro delle finanze greco, Evangelos Venizelos, leader del partito socialsta Pasok, ha oggi criticato quei paesi dell’Eurozona convinti che “la Grecia debba essere sacrificata come Ifigenia, la figla di Agamennone, “perchè un vento favorevole torni a soffiare sulle vele dell’area dell’euro”. Secondo l’ex ministro e ore fautore della “grande coalizione” che regge il governo Samaras “il sacrificio di Ifigenia sarebbe un suicidio per l’eurozona”, e quelli che lo auspicano “hanno davvero torto”. Ifigenia, figlia di Agamennone e di Clitemnestra, doveva essere sacrificata dal padre alla dea Artemide in modo che i venti spirassero di nuovo per portare le navi dall’accampamento in Aulide verso Troia. Secondo la tragedia di Euripide, Artemide salvò in estremis Ifigenia, trasformandola in cerva.