C’è chi si è ritrovato con 20 euro in tasca a inizio mese, e non sa come pagare le bollette e le spese quotidiane; chi si è visto negare i prelievi al bancomat e chi ha dovuto sperimentare “l’imbarazzo di un assegno non pagato”. E sul web esplode la protesta dei correntisti di Banca Network Investimenti, dopo che l’istituto, in amministrazione straordinaria dal 28 novembre 2011, ha comunicato la sospensione per un mese, a partire dal 31 maggio, del “pagamento delle passività di qualsiasi genere, con il parere favorevole del comitato di sorveglianza e previa autorizzazione della Banca d’Italia”.

Significa conti correnti chiusi, carte bloccate e la rabbia dei clienti che monta. Molti temono per i loro risparmi, per le rate dei mutui e per il rimborso dei titoli in portafoglio, che rischiano di andare perduti (fatti salvi i 103mila euro garantiti dal Fondo interbancario). Quasi tutti lamentano la mancanza di informazioni tempestive da parte della banca. “Nessuno mi aveva avvisato della reale situazione di pericolo”, “Dove sta scritto che un correntista non possa scegliere di abbandonare la nave prima che coli a picco, con un certo preavviso?”, scrivono sui forum i clienti infuriati. Alcuni hanno sporto denuncia, altri si sono rivolti all’associazione dei consumatori Adusbef, come ha confermato al Fattoquotidiano.it il presidente, Elio Lannutti: “Ci sono arrivate diverse segnalazioni, tutte di persone rimaste con pochi spiccioli in tasca. La banca avrebbe dovuto informarli, e non l’ha fatto”. Lannutti, senatore dell’Italia dei valori, annuncia che sottoporrà la vicenda all’attenzione del Parlamento, attraverso un’interrogazione, martedì prossimo.

Da tempo Banca Network Investimenti, attiva dal 2004 e partecipata da nomi di primo piano della finanza – come il colosso delle assicurazioni Aviva, Banco Popolare, la Sopaf della famiglia Magnoni e la De Agostini – è in crisi: dopo la nomina dei commissari straordinari Raffaele Lener e Giuseppe Bonsignore, designati lo scorso novembre dal ministero dell’Economia su proposta di Bankitalia, si è tentato di individuare un acquirente in grado di risollevare le sorti dell’istituto. Tra le proposte più allettanti arrivate negli scorsi mesi ci sono state quelle della società di intermediazione mobiliare Consultinvest e di Banca Popolare di Vicenza: entrambe si erano mostrate molto interessate alla rete di promotori finanziari messa in piedi negli anni da Bni. Le trattative non sono riuscite, però, a concludersi prima che la banca bloccasse i pagamenti: solo nei giorni scorsi Consultinvest ha presentato un’offerta vincolante per acquisire la rete dei promotori finanziari, mentre al partner Cassa di Risparmio di Ravenna dovrebbero andare i conti correnti e i depositi titoli della clientela.

In attesa del via libera definitivo all’operazione, il panico si è però diffuso. “A rimetterci sono sempre i correntisti – nota il presidente di Adusbef -. Vuoi chiudere per un mese? Bene, ma non puoi togliere a un lavoratore la possibilità di accedere alle sue risorse”. Queste persone rischiano davvero di perdere i loro risparmi? “Certamente, se nel frattempo non si trova un acquirente che salvi la banca”, come la stessa Consultinvest. “È vero che esiste la garanzia del Fondo interbancario di tutela, ma le procedure sono lunghe e complicate”, spiega Lannutti, che ipotizza anche una probabile causa della crisi: “Non vorrei che gli azionisti avessero usato Bni per coprire operazioni finanziarie poco chiare”. Adusbef e Federconsumatori, in una nota congiunta, criticano anche il ruolo della Banca d’Italia: “Non ha fatto nulla per impedire il dissesto, e in seguito non ha dato alcuna comunicazione ai correntisti, per dare loro la possibilità di effettuare prelievi di sopravvivenza”.

Oltre ai risparmi dei clienti, a rischio ci sono anche i posti di lavoro dei 69 dipendenti. E dopo aver tentato più volte, invano, di contattare gli uffici di Bni, alla fine siamo riusciti a parlare con uno dei promotori finanziari che hanno fatto la fortuna della banca. “Siamo in una brutta situazione: i clienti chiamano e se la prendono con noi, siamo noi che ci andiamo di mezzo”. E se anche l’intervento di Consultinvest riuscirà a risollevare le sorti di Bni, sarà molto difficile riconquistare la fiducia dei correntisti delusi.