Sei miliardi di euro di evasione fiscale in quattro mesi. Con 2.192 evasori totali scoperti. Sono i dati di questa prima parte del 2012 presentati dalla Guardia di Finanza, relativi a tutto il territorio nazionale. In materia di Iva, le Fiamme Gialle hanno scoperto 650 milioni di euro non dichiarati. Le persone denunciate all’autorità giudiziaria sono  853, che non avevano presentato la dichiarazione, e altre 530 per occultamento o distruzione della contabilità.

I controlli hanno interessato tutte le regioni italiane e rientrano in quella che il comandante della Gdf Nino Di Paolo ha più volte definito una “lotta sistematica e decisa all’evasione fiscale”.

I 2.192 evasori totali sono accomunati dal fatto di non aver presentato per almeno un anno la dichiarazione dei redditi. Invisibili per il Fisco, in molti casi si concedevano un elevato tenore di vita con macchine di grossa cilindrata, ville e sostanziosi patrimoni accumulati. I maggiori ‘picchi’ di evasione, riferisce in una nota la Guardia di finanza, sono stati riscontrati nel settore del commercio all’ingrosso e al dettaglio (quasi il 25% del totale), delle costruzioni edili (circa il 22%), delle attività manifatturiere (11), delle attività professionali, scientifiche e tecniche (5,7) e delle attivita’ di alloggio e ristorazione (5,5).

Tra i casi scoperti dalla Guardia di Finanza, c’è quello di un noto bar a La Thuile – nota località sciistica vicina a Courmayer – che negli ultimi 5 anni non ha dichiarato ricavi per 350mila euro. Lo ha scoperto la Gdf di Aosta dopo alcuni approfondimenti seguiti a un normale controllo sulle ricevute e sugli scontrini fiscali.

Ancora, un’apprezzata pasticceria nel centro di Reggio Calabria, oltre a non aver dichiarato negli ultimi 2 anni ricavi per 400mila euro, si avvaleva anche di lavoratori in nero. Mentre un albergatore di Grado (Gorizia) ha fatto a meno di dichiarare l’oltre mezzo milione di euro di ricavi, incassati dopo il “tutto esaurito” della sua struttura nelle ultime stagioni estive. “E’ stata una dimenticanza”, ha riferito l’imprenditore turistico alle Fiamme Gialle di Gorizia che si apprestavano a eseguire i controlli.

Non è l’unico caso di asserita “dimenticanza”. La Guardia di Finanza ha messo nel mirino una società di capitali di Roma che gestisce alcuni teatri di cabaret del quartiere Esquilino e un’altra che controlla un centro di divertimenti con annesso ristorante e bowling. La prima avrebbe “dimenticato” di dichiarare 3 milioni e 600mila euro di ricavi; 4 milioni circa la seconda. E a Messina, un centro di macellazione di carni che aveva nascosto al Fisco ricavi per oltre 30 milioni di euro. 

Casi eclatanti emergono a macchia di leopardo su tutto il territorio nazionale. I finanzieri di Venezia hanno scovato un fotografo di matrimoni che, a fronte di oltre 200 servizi e di 100 book realizzati, aveva emesso solo 35 ricevute, non dichiarando incassi pari a 200mila euro, sui quali avrebbe dovuto pagare imposte per circa 80mila euro. Era invece a prima vista impeccabile la contabilità di un gioielliere della provincia di Brescia, che emetteva scontrini e teneva la documentazione fiscale, ma le Fiamme Gialle ora gli contestano quasi un milione e mezzo di redditi non dichiarati e circa 300mila euro di Iva evasa. A tradirlo il lusso e il tenore di vita, assolutamente incoerente con il suo profilo fiscale.

Stessa storia per una donna di Ravenna che non solo andava in giro su una delle sue due Porsche, ma aveva una villa hollywoodiana a Milano Marittima e faceva viaggi extralusso, scegliendo sempre hotel a 5 stelle. I finanzieri hanno scoperto che tutto quel lusso non proveniva da regali ricevuti nel tempo, come da lei riferito, ma dalla sua attività, tenuta ben nascosta, di intermediario nel commercio per conto di una grossa società con varie sedi nel nord-Italia. Per redditi accumulati nel tempo di circa 2 milioni di euro.