Il professore risale in cattedra. Romano Prodi è più vispo che mai, anche se al governo non c’è più il nemico storico ma lo stimabile Mario Monti, anche se l’incontro di auguri per un buon natale agli allievi della scuola per manager Alma Graduate di Massimo Bergami si è svolto alle 7.30 del mattino.

L’ex primo ministro italiano ha portato i suoi saluti all’elitaria scuola privata di formazione post universitaria e non si è sottratto nel commentare i fatti di cronaca di questi giorni. Intanto una stoccata a quella che sembra essere diventata un’amatissima nemica, Angela Merkel: “Deve smetterla di usare questo linguaggio da maestrina: l’Italia i compiti a casa li ha fatti, ora semmai ci manca il tempo per giocare, e questo resterà un problema per il futuro”.

Il futuro dell’Italia proprio nelle ore in cui un altro sparring partner, se non addirittura probabile vicino di banco, come Luca Cordero di Montezemolo annuncia la sua discesa in campo con Italia Futura, è il tema che sta più a cuore al professore: “L’Italia si dovrà preparare a un anno col segno meno, probabilmente peggiore del -1,3% preventivato. I primi due trimestri del 2012 sono già pregiudicati. Difficile pensare al ritorno a una fase di crescita senza un nuovo patto europeo”.

La solita Europa a rischio di divisione che Prodi esorcizza come può (“le impediscono di avere il ruolo che le sarebbe richiesto, quello di proporre riforme in un mondo in cambiamento”) e in America obamiana che improvvisamente diventa pietra di paragone per una cattiva amministrazione “le elezioni in Usa e Francia sono il simbolo di una politica ossessionata dal voto, che pensa più alle tornate elettorali che a governare i paesi”. Anche se su Obama sono solo parole di encomio: “Obama è preoccupato che la crisi dell’euro si rifletta sul voto americano, e perciò l’America si sta adoperando per aiutare la nostra moneta”.

Infine una riflessione sugli Indignados che Prodi deve aver incrociato in strada a Bologna, come in altre decine di città del globo, durante una qualche manifestazione di dissenso e protesta: “Non si capisce bene dove possa arrivare. A differenza degli storici movimenti di quarant’anni fa non hanno leader, anche i loro riferimenti culturali e filosofici sono gli stessi delle vecchie contestazioni. Ma è un movimento che non si ferma, perché legato al problema della redistribuzione del reddito, che è diventata sempre più iniqua dagli anni ottanta ad oggi”.

d.t.