Scampia tripÈ passato un anno dall’uscita di “Scampia Trip” un progetto nato insieme all’Associazione (R)ESISTENZA e il CSV (Centro di Servizio per il Volontariato di Napoli) per raccontare il quartiere Scampia e la sua voglia di resistere, per la prima volta con gli occhi, le mani e le orecchie di chi ci è nato, cresciuto e alla fine ha scelto di restare. Un viaggio collettivo e necessario fatto assieme a scrittori, operatori sociali, preti, giornalisti, familiari di vittime innocenti di camorra e musicisti uniti dallo stesso desiderio: fuggire dalla retorica con cui i media tradizionali hanno da sempre raccontato questo luogo.

Un progetto realizzato in collaborazione con una piccola ma coraggiosa casa editrice napoletana: Ad est dell’equatore. Pur non disponendo di grossi mezzi siamo giunti alla terza edizione con quasi tremila copie vendute; e poi concerti, premi, interviste e oltre cinquanta presentazioni in giro per l’Italia dove abbiamo avuto la fortuna di conoscere centinaia di persone tra studenti, insegnanti, artisti che hanno fatto propria la nostra battaglia.

L’attenzione mediatica ricevuta da Scampia Trip ha permesso all’associazione (R)ESISTENZA di ottenere, dopo anni di battaglia, una sede per le sue attività nel cuore del quartiere Scampia. Una “Fabbrica di legalità” dove poter produrre quotidianamente “anticorpi” e lavorare per il recupero dei minori a rischio.

Qui il prete anticamorra Don Aniello Manganiello (autore in Scampia trip del racconto: Dove finisce Gomorra) ha pubblicato Gesù è più forte della camorra. Libro in cui ha raccontato i suoi sedici anni di resistenza a Scampia. Con i proventi del libro sarà avviato uno spettacolo teatrale dove a recitare saranno gli stessi destinatari del messaggio del progetto i cosiddetti minori “a rischio” che diventeranno a loro volta promotori e spacciatori di legalità. Un progetto che cercheremo di portare anche nelle carceri italiane.

Scampia Trip è solo il punto di partenza di una progettualità che non si esaurisce nella pubblicazione del progetto, ma che tenta di dare continuità a quanto fatto sino ad oggi. Grazie di vero cuore a nome degli ‘A67 e dell’Associazione (R)ESISTENZA a tutte quelle persone che hanno creduto e sostenuto in ogni modo questo progetto.

CSV Napoli: http://csvnapoli.csaitlab.eu/