Correva l’anno 2011, gennaio volgeva alla fine e nel Sultanato di Bunga Bunga faceva freddo. Erano i giorni della merla e Laura Cason ci spiegava che in un giorno lontano dei pulcini bianchi si infilarono in un comignolo e (Calimero docet) divennero neri. Ada De Santis, invece, si interrogava: dormire con i cani fa aumentare le infezioni? Insomma letto o cuccia? Secondo uno studio americano, a parte la tigna, non ci sono problemi. Sempre nello stesso giorno, il giorno 29 del mese di gennaio dell’Anno Domini 2011, Anna Scafuri ci spiegava come combattere il colesterolo alto: mangiate più piselli senza dimenticare il cavolo e le cicerchie. Sentite che prosa: “Pasta integrale e fagioli, proteine, carboidrati, pochi grassi polinsaturi, vitamine, sali minerali, come calcio ferro e magnesio, fibre e soprattutto zero colesterolo. Cosa si può voler di più da un piatto completo che dà benessere ed energia?”

Già, e cosa si può voler di più dal Tg di Uno?

A parte l’inviato-sciatore Massimo Mignanelli che domenica 30 se la spassa in Val Gardena tra snowparks e il pesce crudo come aperitivo, cosa si può voler di più dal primo tg della Bbc italica? Un bel servizio pop sui rimedi antinquinamento per esempio. Carlotta Mannu ci accontenta subito e chiede: “C’è qualche piccolo accorgimento che possiamo prendere per assorbire meno smog?” L’ esperto intervistato, Walter Ricciardi, direttore dell’Istituto di Igiene dell’Università Cattolica, è conciso e pragmatico: “Mascherine, antiossidanti, frutta e verdura”. In conclusione: “Se i capelli bianchi arrivano precocemente la colpa potrebbe essere anche di termosifoni e marmitte”.

Siamo ormai a febbraio e, visto quello che sta succedendo a Bunga Bunga, l’invito di Giorgio Napolitano ad abbassare i toni arriva fino al Festival di San Remo. Vincenzo Mollica pernotta ormai da qualche settimana nel Teatro Ariston, da dove sforna minzimusicali del calibro di “Con quale spirito si preparano Luca e Paolo per affrontare il palco di San Remo?” e “Morandi e Belén preparano il Festival”. Mollica mette la sordina ed esorta anche lui ad abbassare i toni: a San Remo deve prevalere la musica, non il gossip. Detto questo si chiede subito dopo: “Ma Belén è incinta?” Le polemiche sul pancione, chiosa il Mollicone, saranno inevitabili “come il cacio sui maccheroni”. Alla faccia dei toni e della sordina.

Ora passiamo alle classifiche, è una settimana storica in quanto la redazione esteri, capitanata da Antonio Caprarica, sconfigge la pur nutrita redazione società del Tg di Uno: la buonanima di Humphrey, il gatto conservatore sfegatato, a furor di popolo, è il nuovo re della Minzoparade.

Minzoparade Anno II N.5 (29 Gennaio-4 Febbraio 2011, Tg di Uno ore 20)

1. (1) Caccia al topo a Downing Street, si rimpiange Humphrey, il gatto conservatore sfegatato (New Entry!) – guarda il servizio
2. (6) Come difendersi dal freddo: copritevi e non uscite di notte (-1)
3. (15) I vasetti per la pupù dei bimbi alla moda (-1)
4. (1) Un popolo di mangiatori di gelato: a Rimini arriva il gelato tridimensionale (New Entry!) – guarda il servizio
5. (1) Pubblicità e corpi femminili: Mara Carfagna scatena la lotta contro gli spot di cattivo gusto (New Entry!) – guarda il servizio
6. (1) Italiani casalinghi disperati: oggi i piatti li vuol lavare lui (New Entry!) – guarda il servizio
7. Gorilla maschio in Gran Bretagna cammina in posizione eretta (New Entry!) – guarda il servizio
8. (2) La pizza ultrasottile al salame piccante fa male (-5)
9. (2) Attenzione alla varicella: i bambini piangono perché hanno prurito (-5) – guarda il servizio
10. (2) Sguardo intenso, fascino ruvido e profilo greco: Paraskevas Boubourakas spopola a Milano (-) – guarda il servizio

Minzi Caldi (in ordine cronologico, Tg di Uno ore 20)

– I giorni della merla: i pulcini bianchi si rifugiarono in un comignolo e divennero neri.
– Dormire con i cani fa aumentare le infezioni: ce li portiamo a letto o li lasciamo a cuccia?
– La dieta anticolesterolo: mangiate più piselli senza dimenticare la cicerchia ed il cavolo.
– Magie mozzafiato a Roma: le matitone tricolori di Yo Kato il mago giapponese.
– Vacanze sicure sugli sci: meglio un po’ troppo presto che un po’ troppo tardi – guarda il servizio
– I rimedi antinquinamento: mettete la mascherina e mangiate tanti broccoli – guarda il servizio
– Tutti i segreti per essere sempre all’altezza del proprio timbro vocale – guarda il servizio
– Abbassare i toni. A San Remo musica, non gossip: Belén è incinta?

La Posta della Minzoparade

Jan scrive: “Da una settimana è il mio chiodo fisso: perché la pizza ultrasottile al salame piccante fa male? Oggi però il gelato 3D mi ha illuminato, passerò l’estate con gli occhialini sul naso a fissare le coppette”.
Pierpiero2 saluta “il grande Paraskulos che, grazie a sottili giochi di ambiguità, ha fatto la sua fortuna a Milano e si muove tra masse di donne adoranti”.
Secondo Becquerel “forse mancano 3.000 pasticcere perche’ le giovani sono tutte impegnate in lavori notturni ad Arcore”.
Infine Norena vota “per il gatto conservatore perche’ arricchisce l’impressionante fauna del Tg1”.

Scuola Media Pilutzer

La quinta puntata di Scuola Media, la contro-Minzoparade del Tg di Uno che dal 14 gennaio impartisce lezioni di giornalismo, introduce un tipo di matematica sperimentale, la matematica giornalistica del Sultanato di Bunga Bunga. E’ un tipo di matematica di base volto a dimostrare che l’arrivo di un secondo servizio fazioso elimina il primo (anche se è datato 5 luglio 2007). La minzoaritmetica funziona così: 1 servizio fazioso (quello del Tg di Uno su Berlusconi) +1 servizio fazioso (quello del Tg3 su Prodi) =0 servizi faziosi ovvero 1+1=0
Qui siamo al Nobel per la matematica e non ai Minzawards e per arrivare ad un teorema del genere Mario Prignano e Francesca Oliva ripescano un servizio di quasi quattro anni fa del Tg3, riportando metà della prima domanda originale di Pierluca Terzulli: “Presidente Prodi, la scorsa settimana avete presentato il documento di programmazione economica, per altro contestato da Bruxelles e dal Fondo Monetario, si può dire che volete passare dalla fase dei sacrifici a quella dell’abbassamento delle tasse?” mentre la Scuola Media fa partire la domanda dal “si può dire” tagliando la parte riguardante il documento contestato a quel mortadella comunista di Prodi sia da Bruxelles che dal Fondo Monetario. Ecco, in versione integrale ed in lingua originale, la quinta lezione di giornalismo.

Questa è la nuova lavagna con tutti i buoni e i cattivi aggiornata al 4 febbraio 2011:

Buoni:
Il Giornale (2)
Piero Ostellino (1)
Giampaolo Pansa (1)

Cattivi:
Il Fatto Quotidiano (3)
L’Unità (3)
Il Secolo d’ Italia (2)
La Repubblica (1)
La Stampa (1)
Il Corriere della Sera (1)
Tg3 (1)

In testa alla classifica dei cattivi Il Fatto e L’Unità con tre minzobacchettate a testata, tra i buoni scatta in vantaggio il Giornale di Berlusconi (il fratello) che, dopo solo cinque lezioni di Scuola Media, è già lanciato verso la conquista del premio Pilu-tzer, il più prestigioso premio giornalistico di Bunga Bunga.

Ora tocca a voi, popolo della Minzoparade. Votate i due servizi pop che più vi hanno inforallegrato utilizzando lo spazio per i commenti o scrivendo a minzoparade@gmail.com.

Il Centro Studi Tg di Uno vi dà appuntamento a sabato prossimo, ricordandovi che siamo anche su Facebook ogni giorno. Vi lasciamo, come sempre, a I Soliti Ignoti (i fatti della settimana).


A cura di Ernesto Salvi