Dopo il collaudo nella pista di Montecarlo, la macchina del fango si prepara a nuove competizioni. La scuderia è sempre la stessa. Il traguardo pure: distruggere Gianfranco Fini. Non hanno altra spiegazione le sibilline illazioni sulle avventure sessuali del presidente della Camera con una prostituta modenese e sul progetto del finto attentato in Puglia, raccontati da Belpietro nel suo editoriale su Libero del 27 dicembre. L’articolo è scritto bene ed il racconto è pure suggestivo. D’altronde, stando alle cronache degli ultimi mesi, di escort e di falsi attentati Belpietro se ne intende proprio.

Nello sfondo dell’ultimo scoop del direttore di Libero c’è pure l’esigenza di recuperare il flop sulla casa di Montecarlo, servito solo a far toccare con mano agli italiani lo squallore delle pantomime che hanno accompagnato la notizia, pari a quello di chi quella casa l’ha venduta, di chi l’ha comprata e di chi l’ha preso in affitto.

Lo scorso 30 settembre, mentre le colonne de il Giornale e di Libero tremavano per le smentite che piovevano sulle loro montature, la prima boccata d’ossigeno è arrivata con la notizia dell’attentato a Belpietro, accompagnato, il giorno dopo, dai titoli molto significativi delle due testate: “Certe idee si pagano così”, “Non ci faremo intimidire”. Un attentato un po’ strano a dire il vero. Al killer si sarebbe inceppata la pistola.

Proprio fortunato Belpietro, se consideriamo i precedenti, anche di un altro direttore de il Giornale. A Milano, infatti, la mattina del 2 giugno 1977, non si è inceppata la pistola 7,65 munita di silenziatore con la quale le Brigate Rosse hanno gambizzato Indro Montanelli. I terroristi sono riusciti a sparare tutti e sette i colpi del caricatore e persino l’ottavo che avevano messo in canna. A Palermo, la sera del 26 gennaio 1979, a Totò Riina e Leoluca Bagarella non si è nemmeno inceppato il revolver con il quale hanno ucciso con quattro colpi alle spalle il cronista del Giornale di Sicilia Mario Francese. Ancora a Milano, la mattina del 28 marzo 1980, ha funzionato alla perfezione, sparando ben cinque colpi, la pistola con cui i terroristi della Brigata XXVIII Marzo hanno ucciso il giornalista Walter Tobagi. A Napoli, la mattina del 23 settembre 1985, nessun guasto alla pistola con la quale i killer della camorra hanno sparato i 10 colpi che hanno ucciso il giornalista de il Mattino Giancarlo Siani. Stessa precisione e funzionalità balistica per la pistola che hanno utilizzato i sicari della mafia messinese la sera dell’8 gennaio 1993, a Bercellona Pozzo di Gotto, quando hanno trucidato il giornalista Beppe Alfano.

Se Belpietro è stato fortunato per l’inceppamento della pistola del killer, lo stesso non può dirsi per il poliziotto di scorta. Però, alla questura di Milano – dove non si può dire che non funzionino i telefoni – erano stati molto accorti nella scelta. Forse avevano proprio tenuto conto dei prodigi del poliziotto, che la mattina del 15 aprile 1995 aveva sventato un analogo attentato nei confronti dell’allora procuratore aggiunto di Milano Gerardo D’Ambrosio. Per questo il poliziotto fu premiato e promosso al grado superiore, anche se, allora come quest’anno, il killer riuscì a fuggire.

L’attentatore di Belpietro è stato senza dubbio più bravo, visto che è riuscito a schivare i tre colpi di pistola che il poliziotto gli avrebbe sparato contro. Per dire il vero, la circostanza appare poco verosimile. Nessuno degli oltre centomila poliziotti italiani mancherebbe una sagoma a quella distanza. Lascia ancora più sorpresi che ciò sia potuto accadere ad un operatore delle scorte, se solo consideriamo la formazione e la frequenza dell’addestramento al tiro mirato a cui tutti i poliziotti delle scorte sono sottoposti. Il killer di Belpietro, però doveva proprio essere un fenomeno, visto che, dapprima travestito da finanziere, è riuscito a dileguarsi come Spiderman scavalcando un muro di cinta di oltre due metri, scivolando su una siepe senza lasciare traccia. Nel lancio si sarebbe pure mutato nell’uomo invisibile, visto che nessuna delle telecamere degli isolati vicini è riuscito a riprenderlo.

Dopo il fallito attentato del 30 settembre, a distanza di soli tre mesi, lo stesso Belpietro annuncia un presunto finto attentato in Puglia a Gianfranco Fini, che, a quanto pare, sarebbe pure disposto a farsi ferire per disarcionare Berlusconi dal Governo. La notizia è stata condita con le leccornie sessuali su Fini riferite dalla escort modenese. Visti i precedenti di Berlusconi in materia, sembra proprio quello che ci voleva per bilanciare la partita. Tutto appare inquadrarsi in uno dei soliti articoli sopra le righe di Belpietro, frutto delle investigazioni dei segugi e delle delazioni dei confidenti, che a Libero ed al Giornale non mancano mai.

Io non ne sono convinto. Quell’articolo, con le notizie riportate e per il modo con il quale sono state raccontate, è un invito ai magistrati ad indagare, come lo stesso Belpietro non ha esitato ad ammettere. Dopo la pubblicazione è seguita la conferma. Almeno tre procure hanno aperto delle inchieste. Belpietro ha raggiunto il suo scopo. E’ plausibile quindi che Belpietro possa venire intercettato, nel tentativo di appurare la fonte delle sue delazioni e le ulteriori notizie che gli potrà fornire. Questo, forse, è quello che Belpietro voleva quando ha pubblicato l’articolo.

Qualunque parola, qualunque informazione, qualunque accusa, vero o falsa fosse, che dovesse essere captata nei dialoghi del suo telefono, entrerebbe di diritto nel fascicolo processuale, senza alcun rischio di essere tacciati di calunnia. La fonte probabilmente resterebbe sempre ignota, visto che Belpietro gode delle stesse guarentigie dei preti: può raccontare il peccato ma è tenuto a garantire il riserbo sul peccatore. Se così fossa la macchina del fango potrebbe ambire a gareggiare in circuiti più fortunati e competitivi di Montecarlo e quanti si ostinano a contrastare l’egemonia di Berlusconi finirebbero sotto le attenzioni delle procure, a cui era rivolto il messaggio.

Mi auguro di essermi sbagliato nel presagio. Nel dubbio consiglio vivamente gli inquirenti di non intercettare Belpietro, visto che, per quello che scrive, penso che nemmeno al telefono direbbe cose vere ed attendibili.