» Cronaca
mercoledì 04/07/2018

Migranti, viaggio nel centro di accoglienza di Tripoli: “Sono 2mila, non ne entrano più. Salvini dice tutto ok? Ha visitato solo la dependance”

Reportage da Trik al-Sikka - Duemila uomini in gabbia, donne e bambini, risse e malattie: dal mare li portano qui. "Non possiamo più accogliere persone qui, abbiamo superato la soglia del doppio: la gente muore". Il caso del ministro dell'Interno che durante la sua visita in Libia forse a sua insaputa è stato portato dentro un "safe shelter" di fronte alle vere strutture di accoglienza

Quasi duemila uomini in gabbia, benvenuti nel girone infernale di Trik al-Sikka, uno dei centri di detenzione co-gestiti dal governo di al-Sarraj e dalle organizzazioni umanitarie. Siamo nell’anticamera della morte, all’ultimo stadio, tra promiscuità, infezioni, risse sanguinose, cibo da vomitare e i volti increduli di uomini e ragazzi traditi pure dall’ultima speranza: “Non possiamo più accogliere migranti qui dentro, abbiamo superato la soglia base del doppio. La gente muore. Altri centri vengono chiusi per vari motivi e non sappiamo più dove mettere queste persone. Presto saremo costretti a non accoglierli più”.

Il dubbio è ormai concreto e Adel Aktasi, direttore del campo più popolato e al centro di Tripoli, aperto nel 2015, lo fa capire senza mezzi termini: “Continuiamo a ricevere telefonate dal ministero per nuovi migranti da mettere a Trik al-Sikka, ma non entra più uno spillo – aggiunge il direttore del campo –. Un’ora fa circa l’ultima richiesta, quando la Guardia costiera ha annunciato di aver recuperato circa 400 persone in mezzo al mare”.

Lunedì 25 giugno Aktasi ha accompagnato il ministro dell’Interno italiano, Matteo Salvini, nella sua visita-lampo nella capitale libica. Dopo aver incontrato il suo omologo del governo al-Sarraj, riconosciuto da Italia e Unione Europea, ma non considerato dal capo della Cirenaica, Khalifa Haftar, dalla Russia e dall’Egitto, Salvini ha fatto un salto in “un centro di detenzione”. Così Salvini l’ha raccontata: “Ho chiesto di visitare un centro di accoglienza e protezione che entro un mese sarà pronto per 1000 persone con l’Unhcr per smontare tutta la retorica nella quale in Libia si tortura e si ledono i diritti civili”. Il leader della Lega presentava quello spazio, quasi un albergo a cinque stelle, come lo standard della strategia vincente del governo italiano. Forse a sua insaputa, i libici lo hanno portato dentro un safe shelter, proprio davanti all’inferno di Trik al-Sikka, in pratica una sua dépendance. Basta attraversare la strada e si passa dai frigoriferi, dai letti a castello certificati e dall’aria condizionata, al buco nero dove realmente marciscono gli esseri umani arrestati in terra perché clandestini o soccorsi in mare e riportati indietro: “No, il ministro Salvini a Trik al-Sikka non è venuto, ha visitato il safe shelter davanti a noi” conferma Aktasi.

Ma cos’è questo rifugio sicuro? Fino a ieri era una delle tante strutture militari del regime di Gheddafi, preso in prestito dal governo di transizione prima e dagli uomini di Fayez al-Sarraj poi. Qui dentro trovavano riparo politici, militari e uomini d’affari di rango in caso di rischio per la propria sicurezza. Adesso, o meglio tra un mese, forse da settembre, più propriamente alla moda libica, bukhra munchen inshallah, ossia domani, forse, a dio piacendo – tradotto, aspetta e spera –, finirà con l’accogliere solo una minima parte di stranieri: “Potrà ospitare circa 500 persone alla volta, non di più – spiega un funzionario della sicurezza nazionale di Tripoli operativo tra i campi –. Lì dentro finiranno le persone fragili, ammalati, donne con bambini, ma soltanto delle sette nazionalità a cui la Libia riconosce la richiesta di asilo politico: Eritrea, Etiopia, Palestina, Somalia, Siria, Yemen e Darfour (Sudan). Gli altri? Resteranno al loro posto”.

Oltre diecimila, al massimo verranno spostati come birilli da un centro all’altro, a seconda della disponibilità. Con quelli di Gharyan e Sabratha inutilizzabili e quelli di Khoms e Trik al-Matar o difficili da raggiungere o in pesante sovraffollamento, il Dipartimento dell’immigrazione libico deve fare in fretta per reperire un nuovo centro e lo deve fare subito. Vista la deriva imminente, da alcune settimane Tripoli ha lavorato su un impianto a el-Djdeida, un altro ex compound militare inutilizzato e trasformato in prigione. Gli spazi ci sono, acqua e luce sono collegate, mancano solo i bagni: “Ci attiveremo all’istante per risolvere questo problema – rassicura Valeria Fabbroni, project manager di Helpcode, una Ong italiana, in questi giorni operativa nei centri di detenzione di Tripoli – La situazione a Trik al-Sikka e negli altri centri è ormai insostenibile, dobbiamo attivare il nuovo campo nel giro di pochissimi giorni”.

Nella sezione femminile di Trik al-Sikka, stamattina le donne sono tutte fuori, le stanze dove vivono stivate da mesi, molte con figli al seguito, sono state disinfestate. Dalle finestre fuoriesce il fumo denso e acre prodotto dalla sostanza chimica. Giornata di visite importanti, compresi gli ambasciatori della Germania e il nostro, Giuseppe Perrone, presente col suo staff al completo per una partita di calcio tra migranti dentro lo spazio recintato. Uno dei rari momenti ludici in mezzo a giornate piene di disperazione per i migranti.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Dopo l’approdo a Malta

Accolti a Parigi 52 richiedenti asilo della “Lifeline”

Cinquantaduemigranti con diritto d’asilo o di protezione internazionale della nave Lifeline che verranno accolti in Francia nel piano di ripartizione d’urgenza messo in campo da nove Paesi Ue: è quanto riferisce il ministero degli Esteri di Parigi precisando che questa “risposta dimostra l’importanza del coordinamento tra partner europei nel rispetto del diritto internazionale”. E ancora, per la Francia, si tratta di “organizzare la solidarietà tra Stati membri per identificare le persone che possono beneficiare della protezione e organizzare il ritorno di chi invece non può pretenderla”.

Nei giorni scorsi, il portavoce del governo francese, Benjamin Griveaux, aveva detto che la Francia avrebbe accolto una “cinquantina” di migranti sui 234 a bordo della nave Lifeline sbarcata a Malta a fine giugno. Inoltre, oltre ai 52 della Lifeline, Parigi accoglierà “circa 80” richiedenti asilo della nave Aquarius di Sos Méditerranée sbarcata a Valencia, in Spagna, dopo la chiusura dei porti italiani decisa dal ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Cronaca
Sbarcati nel Crotonese

Curdi e iracheni, in 71 su una barca di 8 metri Scafisti arrestati

Al largodi Punta Alice, nel Crotonese, sono stati intercettati a bordo di una barca a vela di appena otto metri: 71 migranti tra cui 8 donne e 15 bambini, curdi e iracheni, erano partiti dalla Turchia cinque giorni fa utilizzando indisturbati l’altra rotta dell’immigrazione verso l’Europa. Arrivati a Crotone ieri mattina, sono stati giudicati tutti in condizioni buone, e scortati da una motovedetta della sezione del Reparto aeronavale della Guardia di finanza. A bordo dell’imbarcazione anche due uomini, ritenuti gli scafisti, con in tasca passaporti ucraini che sono stati sottoposti a fermo. E proprio l’utilizzo di barche a vela, assieme alla presenza ormai costante di cittadini esteuropei come ‘skipper’, modalità che si ripetono da mesi se non da anni sulla direttrice alternativa a quella del Canale di Sicilia, rappresenta uno degli elementi che inducono gli inquirenti a ritenere che, dietro il traffico di esseri umani, ci sia un’organizzazione internazionale con ramificazioni in Paesi dell’Est. Un vero e proprio “business” alimentato dalla disperazione di interi nuclei familiari provenienti da zone di guerra e pronti a mettere nelle mani di organizzazioni senza scrupoli somme considerevoli per poter arrivare in Occidente.

Politica

Maestri senza laurea: il ministero li salva, ma solo per pochi mesi

Cronaca

Lo “scaricabarile” Germania-Austria inguaia l’Italia

“I festini di Siena? Bufala che mi ha rovinato la vita”
Cronaca
l’intervista - Pasquale Aglieco

“I festini di Siena? Bufala che mi ha rovinato la vita”

di
Il resort e lo Stato che dice 19 volte: “l’Imu non la pago”
Cronaca
come pirandello - Petrosino, in Sicilia: l’ultimo paradosso

Il resort e lo Stato che dice 19 volte: “l’Imu non la pago”

Mario Mori dal Sid a Provenzano: 40 anni di misteri
Cronaca

Mario Mori dal Sid a Provenzano: 40 anni di misteri

di
Graviano parlò di “Berlusca”
Cronaca
La TRattativa • La sentenza

Graviano parlò di “Berlusca”

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×