» Politica
venerdì 09/02/2018

M5S, i due ex parlamentari nei guai per i soldi: “Se eletti, ci dimetteremo”

Erano spariti da giorni - Cecconi e Martelli, nel mirino per le mancate restituzioni, riappaiono e promettono di rinunciare al possibile seggio

Hanno fatto un passo indietro: simbolico, perché giuridicamente “la rinuncia all’elezione” non vale nulla. Però è quello che voleva il M5S, per limitare i danni. E per i due parlamentari è la via per allentare le pressioni, dopo giorni in cui erano spariti da Facebook e dai comizi, irreperibili anche per i colleghi. Il senatore Carlo Martelli e il deputato Andrea Cecconi, già capigruppo del M5S, ed entrambi ricandidati come capilista alle Politiche, erano fuori dai radar da domenica scorsa. Ossia da quando il blog delle Stelle ha reso noto che “non erano in regola con le rendicontazioni”, le restituzioni regolari di metà dello stipendio e dei rimborsi inutilizzati a cui sono tenuti tutti i parlamentari del M5S, per alimentare un fondo per le piccole e medie imprese. Entrambi, spiegava il blog, hanno restituito le somme mancanti e sono stati deferiti al collegio dei Probiviri.

Ma quello che non è stato detto, e che il Fatto aveva rivelato lunedì scorso, è che a tutti e due era stato chiesto di rinunciare “alla candidatura e all’elezione”. Ovvero di sottoscrivere la stessa dichiarazione firmata da Emanuele Dessì, candidato nel Lazio, finito nella bufera per un post in cui raccontava di “aver menato per la terza volta un romeno” e per la casa popolare in cui vive a Frascati, dietro un affitto da 7 euro mensili (regolare). Martelli e Cecconi, parlamentari uscenti di peso, pagano invece l’aver restituito meno di quanto dichiarato. Una “colpa” che il Movimento avrebbe scoperto grazie a un servizio de Le Iene, ancora non andato in onda, ma di cui i 5Stelle sono stati informati. Da qui i controlli, l’apertura del procedimento disciplinare e la linea dura del Movimento, che ha sottoposto a tutti e due il modulo Dessì: privo di effettivo valore giuridico, ma invocato dai vertici per dare un segnale. E così Cecconi ha firmato, come ha chiarito lui stesso su Facebook con un post in cui parla di “ritardo nei versamenti per motivi di natura personale, che nessuno può essere in grado di giudicare, e sui quali non mi dilungo”. Per poi assicurare: “Ho già deciso di rinunciare alla mia elezione, il 4 marzo cederò il passo e andranno avanti gli altri candidati che trovate nel listino”. E lo stesso ha fatto Martelli, scrivendo anche lui Facebook di aver rinunciato “nei giorni scorsi” all’elezione, e attribuendo “a seri motivi personali” il ritardo nei pagamenti. Per poi aggiungere una considerazione scritta anche da Cecconi: “Non c’è nessuna legge che ci obbliga a dimezzarci lo stipendio”.

Domenica il blog, nel mettere all’indice le mancate restituzioni, non entrava nei dettagli. D’altronde, dalla data di ingresso dei Cinque Stelle in Parlamento, il Movimento ha a disposizione uno strumento pubblico che dovrebbe garantire la trasparenza dei rendiconti dell’intero gruppo parlamentare: ogni mese, deputati e senatori pubblicano sul sito www.tirendiconto.it l’elenco delle cifre restituite e allegano a corredo copia del bonifico effettuato.

Nel caso di Cecconi, a oggi, risultano non rendicontati i mesi di novembre e dicembre 2017 (lo stesso vale per molti suoi colleghi: le restituzioni arrivano spesso con settimane di ritardo). Il profilo di Martelli invece è completamente verde, il che significherebbe che è tutto a posto. Spulciando nei file, però, si scopre che dei 47 bonifici effettuati da marzo 2013, solo in 17 casi compare la parola “eseguiti”: sono quelli degli ultimi due anni. I precedenti 30 sono bonifici “inseriti” o “richiesti”: è la dicitura che compare quando la banca prende in carico un ordine di pagamento, il correntista ha poi un lasso di tempo in cui la disposizione può essere revocata.

di Paola Zanca e Luca De Carolis

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Magistrati amministrativi

Caso Bellomo, ora c’è il codice per chi prepara ai concorsi

Il caso del consigliere di Stato Francesco Bellomo, destituito per il contratto che prevedeva un dress code per le aspiranti magistrato, ha prodotto i suoi effetti: ieri il Consiglio della giustizia amministrativa ha approvato una circolare che mette dei paletti alle docenze in scuole private che preparano al concorso per la magistratura ordinaria e che pullulano di magistrati amministrativi. I giudici di Tar e Consiglio di Stato potranno insegnare o dedicarsi a convegni “di carattere formativo” per un massimo di 40 giorni all’anno e i corsi potranno tenerli dal vivo solo in una sede. Vietato assumere il coordinamento o la direzione scientifica dei corsi per evitare “la personalizzazione” degli stessi (vedi Bellomo). È previsto pure il divieto di insegnamento in corsi privati di preparazione per i concorsi di referendario Tar e di Consigliere di Stato. La violazione di questa delibera costituisce un illecito disciplinare “grave”. Inoltre, è stato varato “il codice deontologico e di comportamento del magistrato nella docenza per promuovere maggiore consapevolezza dei doveri etici” a cui dovrebbero attenersi i magistrati amministrativi, anche fuori dall’esercizio delle loro funzioni.

Politica

Magari proprio stupidi no, ma masochisti di sicuro

Politica

“La Difesa non ci aiutò e ora critica: è aberrante”

Iran, precipita aereo: nessun sopravvissuto
Politica
A bordo 66 passeggeri

Iran, precipita aereo: nessun sopravvissuto

Politica
La moglie: “M’ha aggredito”

De Falco: “Mai violento, accuse denigranti”

Incidenti sulle Alpi, muoiono tre sciatori
Politica
Valanghe e fuoripista

Incidenti sulle Alpi, muoiono tre sciatori

Matteo esclude le larghe intese, ma tace su Silvio
Politica
I 100 punti del programma

Matteo esclude le larghe intese, ma tace su Silvio

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 21 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×