» Cronaca
martedì 27/02/2018

Mediapro, parla il patron Jaume Roures: “Io, milionario trozkista porto il calcio in tv anche ai poveri”

Jaume Roures - Il capo di MediaPro – la società che si è comprata la serie A per un miliardo – fa affari tra comunismo e indipendentismo catalano

Lui vuole fare la rivoluzione, anche nel pallone: “Il mio obiettivo non è solo che il calcio abbia più denaro, ma che i tifosi abbiano più calcio”. Promette abbonamenti a prezzo popolare, si proclama trozkista, ma guida una multinazionale che fa affari col Qatar ed è finita in mani cinesi. Jaume Roures, 68 anni, sguardo sornione, mille contraddizioni e un profilo aquilino da film di Almodovar, può essere considerato uno dei nuovi padroni del pallone italiano: è fondatore e proprietario di MediaPro, la società spagnola che si è aggiudicata i diritti tv della Serie A per oltre un miliardo l’anno e ora deciderà come e dove si vedranno le partite in Italia. Però parla di proletariato e si compromette per l’indipendentismo catalano. “È il mio modo di orientarmi nel mondo: guardo alla prospettiva sociale, non all’interesse personale”.

A cena in un ristorante raffinato, tra i giornalisti che ha fatto arrivare dall’Italia per mostrare il suo impero, indossa un maglione sgualcito e ordina una semplice tortilla. Il potere di MediaPro non è nelle apparenze, ma nel fatturato da oltre un miliardo e mezzo l’anno. Jaume, però, è nato nel quartiere più umile di Barcellona, da giovane militava nella IV Internacional e i testi di Lev Trockij li ricorda a memoria. “La rivoluzione comincia su basi nazionali, ma non può restare circoscritta entro i suoi confini”. È per questo che dopo aver conquistato la Liga ha deciso di sbarcare in Italia? “No – sorride – qui la politica non c’entra”. Eppure nella sua vita il confine tra business e ideologia è sottile.

La sede di MediaPro in cui ci accoglie è addobbata con un enorme drappo catalano: qui è stato prodotto il famoso documentario “1-O” sulle cariche della polizia durante il referendum, simbolo della resistenza catalana nonché clamoroso successo di ascolti. E sempre qui ha messo a disposizione dei giornalisti che seguivano l’evento un centro stampa, rigorosamente a pagamento, però. Avere o essere? La sua risposta è in un’altra domanda: “Se per me fosse solo business, perché complicarmi la vita? Potrei starmene steso al sole su un’isola, invece sono qui. A voi cosa sembra?”. Gli interrogativi continuano. Delle sue contraddizioni non sembra crucciarsi. Da giovane lottava contro il regime e fu anche arrestato per le sue idee, ma ciò non gli impedisce oggi di lavorare con Javier Tebas, ex franchista capo della Liga, a cui è legato in affari milionari.

È passato tempo e continua a dirsi comunista: “Perché vergognarmene? La storia ci sta dando ragione, il capitalismo ha fallito: i poveri sono sempre più poveri, i ricchi sempre più ricchi”. Lui appartiene alla seconda schiera: “Ma i soldi sono importanti, mi permettono di raccontare la verità, sostenere le mie idee, provare a cambiare le cose. Mi attaccano perché sono di sinistra: anche il Vangelo predica uguaglianza, eppure nessuno va a dire ad un cattolico che non può fare l’imprenditore. Può essere che la mia sia una contraddizione, forse la loro è ancora più grande”. Materialista, visionario, arguto, mentre guadagna con GolTv che va in onda sulle frequenze di Rcs di Urbano Cairo, Roures sostiene di pensare al popolo.

Specie il suo: la Guardia Civil lo accusa di essere uno dei capi occulti della rivolta catalana. Nega, anche se quando parla del referendum gli brillano gli occhi: “I catalani hanno il diritto di decidere il loro futuro, poi magari non sarà l’indipendenza”. Ha anche favorito un contatto tra i leader di Podemos (di cui è sostenitore) e gli indipendentisti di sinistra in una cena segreta a casa sua. Ma ora c’è da pensare alla Serie A: ha vinto un bando che gli permette di fare poco, assicura che si atterrà “scrupolosamente” alla legge (ha già problemi a sufficienza in patria, o negli Usa dove MediaPro è stata coinvolta nel FifaGate per una presunta tangente), ma per il futuro sogna di costruire un nuovo “canale del calcio” anche in Italia. La sua rivoluzione, che vale un sacco di soldi.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Richiesta danni

Niente mediazione Vivendi-Mediaset: oggi prima udienza

Un’udienza che non promette colpi di scena ma che comunque sancirà che, almeno per il momento, Vivendi e Mediaset non hanno trovato un accordo extragiudiziale nell’azione legale per il mancato acquisto di Premium: è quella fissata domani a Milano nell’ambito della causa civile intentata dal gruppo di Cologno che a questo punto entra nel vivo di fronte al giudice Vincenzo Perozziello. Di certo per ora c’è solo che è tramontata l’ipotesi di accordo tra le parti legata all’ingresso di Mediaset in una iniziativa tra Tim e Canal plus sulla produzione e distribuzione di contenuti: per Vivendi l’idea (propedeutica al varo di una piattaforma stile Netflix) rimane valida, ma lo stop giunto all’interno del cda di Tim di fatto ha reso impraticabile questa opzione. Per trovare un accordo in tribunale, o fuori dalle aule giudiziarie, ci sarà dopo l’esito del voto poco più di un mese: entro il 19 aprile Vivendi dovrà infatti ottemperare alla delibera con cui l’Agcom chiede al gruppo francese di scegliere tra il controllo di fatto di Tim e la presenza in Mediaset come secondo azionista con circa il 29% dei diritti di voto, esigenza alla quale potrebbe anche ottemperare congelando parte della sua partecipazione in un blind trust.

Mondo

Cinque ore di tregua nel Ghouta ma nessuno ferma i turchi ad Afrin

Cronaca

Il gigante spagnolo coi soldi freschi dei cinesi

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×