» Cronaca
sabato 22/04/2017

Milano, il 25 aprile nero dei nuovi fascisti: sdoganati dalla Lega Nord, vogliono riprendersi la città

Prefetto e questore hanno vietato la parata per i caduti di Salò. Ma martedì loro “ci tengono troppo e dunque arriveranno”, fanno sapere dalla Digos. Chi sono? I protagonisti di quella "risacca nera" che oggi trova appoggi nella politica parlamentare e della quale Matteo Salvini e il Carroccio si sono fatti grandi traghettatori. Offrendo ribalta e appoggio in primis al movimento di Lealtà e Azione

Le lapidi sono 921. Il campo è il numero 10. Il cimitero è il Maggiore. Milano, in fondo a viale Certosa, periferia nord. Il santuario nero sta qui. E qui la mattina del 25 aprile, molti arriveranno. Forse non avranno bandiere, né drappi, né labari. Forse non marceranno in file di tre, né omaggeranno i caduti della Repubblica di Salò con il saluto romano. Ma certamente ci saranno, nonostante ieri prefetto e questore abbiano vietato la parata. Per ora resta in piedi una diffida. Il rischio è una denuncia. “Ma ci tengono troppo e dunque arriveranno”, fanno sapere dalla Digos. E lo faranno partendo dai cimiteri e dai loro “mai morti”, per rimarcare un’appartenenza, per voler riscrivere la storia. E saranno tanti a Milano. Città che più di tutte in Italia fotografa, oggi, una risacca nera che trova appoggi da parte della politica parlamentare. La Lega Nord è la grande traghettatrice. Al timone il segretario nazionale del Carroccio Matteo Salvini.

La prima onda di tsunami è arrivata con le proteste anti-immigrati. Sulle parate nero-leghiste ha iniziato così a soffiare il vento di CasaPound. Matrimonio in crisi. Il nuovo fronte, infatti, si è riversato nel movimento di Lealtà e Azione, costola “pulita” del movimento internazionale e xenofobo HammerSkin. Il nuovo fidanzamento ha dato subito risultati. Dove? Nei neonati municipi meneghini presi d’assalto dai candidati dell’estrema destra appoggiati dalla Lega. Negli ultimi mesi, così, il successo politico ha ridato voce a vecchi slogan. Il municipio 4, ad esempio, è retto dal presidente leghista Paolo Guido Bassi, il quale, nel febbraio scorso, per ricordare la tragedia delle Foibe, ha ospitato Daniele Ponessa, presidente dell’Associazione Amici e Discendenti degli Esuli Giuliani, Istriani, Fiumani, Dalmati (Ades) e le cui posizioni sono esplicitamente affini a quelle di Lealtà e Azione. Sempre Bassi si è visto bocciata l’idea di un evento-concerto alla palazzina del Liberty (per anni tempio prediletto da Dario Fo per mettere in scena il suo Mistero Buffo) con ospite il cantante Federico Goglio, in arte Skoll, ospite fisso ai concerti di CasaPound e dell’associazione neo-nazista i Dodici raggi di Varese, già condannato in primo grado per apologia di fascismo.

Sulla locandina di un evento che ha riempito la sala Alessi a Palazzo Marino c’era, invece, la sigla Bra.nco, associazione gravitante attorno a Lealtà e Azione. Organizzatore della serata dedicata all’Islam il leghista e consigliere comunale Massimiliano Bastoni. Insomma, la politica sdogana i movimenti neo-nazisti che si sentono legittimati a riprendersi spazi pubblici. E questo nonostante Lealtà e azione mantenga tra i propri personaggi di riferimento il fondatore della Guardia di ferro rumena, l’antisemita Cornelius Codreanu, e l’ex generale delle Ss Leon Degrelle. Senza contare che il vero cuore di Lealtà e azione è rappresentato dal movimento Hammerskin che ha stretto un patto di ferro con l’internazionale nazi-fascista di Blood&Honor, la cui insegna si compone della Totenkpf, il teschio delle divise delle Ss.

Oggi, poi, l’onda nera dai municipi e dai convegni si è spostata nelle piazze. Nelle ultime settimane si sono registrati già tre scontri tra neo-nazisti e antagonisti. Un clima da anni Settanta che preoccupa. Il primo aprile la tensione sale nel quartiere del Gratosoglio, quando un militante di Forza Nuova viene fermato mentre tenta un’aggressione ai danni di un gruppo di antagonisti. In tasca ha un tirapugni. Sarà denunciato. Poche ore dopo, a tarda sera, sui Navigli, un gruppo di venti persone di estrema destra aggredisce un ragazzo, costringendolo, addirittura, a gettarsi in acqua.

Infine sabato 8 aprile, un giovane ultrà della Juventus che indossa la divisa di ordinanza con la scritta “Allarmi siam vichinghi”, ricordando il gruppo dei tifosi bianconeri Viking e il più celebre motto “Allarmi siam fascisti”, viene aggredito in via Gola, cuore dell’antagonismo milanese. Colpito con un casco, la felpa portata via. Questo il clima. Che porterà, il 25 mattina, i neofascisti a omaggiare al campo 10, non giovani sconosciuti rapiti dall’ideale repubblichino ma, ad esempio, Alessandro Pavolini, ultimo segretario nazionale del Partito fascista e capo delle Brigate nere.

Ma anche Francesco Colombo della Ettore Muti, polizia fascista che in via Rovello, dove c’è il Piccolo Teatro, allestì una camera della morte. Ma anche Armando Tela, luogotenente della banda Koch che a Villa Triste in via Paolo Uccello torturò decine di persone. Senza contare i nove volontari italiani nella 24ª e 29ª Divisione Granadier delle Ss.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Le polemiche

Il centro Wiesenthal di Gerusalemme contro i palestinesi

“L’associazione di palestinesi nel corteo è una grave ingiustizia che impedisce agli ebrei di partecipare”. Anche Efraim Zuroff, direttore del Centro Wiesenthal di Gerusalemme, prende posizione sulle polemiche per la manifestazione del 25 aprile, che si terrà a Milano. “Gli ebrei – ha detto Zuroff – hanno ragione a non partecipare in un corteo che dà adito a confusioni storiche”. Sono diverse le polemiche in vista del corteo di martedì. A partire dalla Brigata Ebraica che ha criticato l’adesione alla manifestazione dei movimenti Bds (Boycott Divest Sanctions) contro Israele. “Amici, il 25 aprile – aveva scritto su Facebook Andrea Jarach, editore e presidente nazionale dell’associazione Keren Hayesod Italia – vi propongo di recarci a Roma. Purtroppo la nostra presenza a Milano a fianco delle inevitabili bandiere palestinesi e quest’anno dei movimenti Bds che odiano Israele, sarà questa volta davvero fuori luogo”. Presa di posizione forte anche da parte dell’Anpi: “Milano saprà isolare e respingere ogni tipo di provocazione all’indirizzo della Brigata Ebraica” ha scritto Roberto Cenati, presidente del comitato provinciale dell’associazione nazionale partigiani italiani di Milano.

Cronaca
Milano, paura in stazione

Profugo aggredisce militare e tenta di rubargli il fucile

Il giovanemilitare ha chiesto i documenti. Per tutta risposta si è visto aggredito da un 27enne senegalese che addirittura ha provato a portargli via il fucile mettendo le mani sulla canna e sul calcio dell’arma. È successo poco dopo le 14 ieri a Milano davanti alla Stazione centrale in piazzale Duca d’Aosta. Il militare ha subito reagito spintonando il ragazzo che ha poi lanciato i documenti. Alla scena hanno assistito molti profughi che da mesi bivaccano in quest’area. Un centinaio così si è avvicinato alle camionette dei militari. Ci sono state urla e qualcuno ha lanciato anche delle bottiglie. Nel frattempo, il ragazzo è stato portato via dai carabinieri. Durante i tafferugli, un connazionale ha anche tentato di tirarlo giù dall’auto dei militari. Il tutto ha provocato grande allarme e in pochi minuti davanti alla stazione sono arrivate decine di auto delle forze dell’ordine. La vicenda si è chiusa così. Ma certo resta altissima l’allerta in questa zona di Milano dove centinaia di profughi da mesi stazionano giorno e notte. Le risse sono quotidiane. “Abbiamo di nuovo la dimostrazione che l’attenzione deve essere massima”, ha commentato il sindaco Beppe Sala.

Commenti

Il problema Rai non è soltanto quello del Dg

Cronaca

Il Gran Muftì che scelse il Führer contro gli ebrei

“Marra aveva un ruolo, altro che passacarte”
Cronaca
Roma

“Marra aveva un ruolo, altro che passacarte”

di
La libraia che sfida la sindaca: la battaglia a Lodi è donna
Cronaca
L’intervista

La libraia che sfida la sindaca: la battaglia a Lodi è donna

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×