Esistono le risposte pubbliche, edulcorate, quelle che tutti noi diamo per senso dell’etichetta, e resistono al contempo le stilettate che non proferiamo per buona creanza, per grazia umana o senso del pudore. Chissà che avranno pensato (davvero) i Rolling Stones quando la Nasa ha pensato di dare il nome di “Rolling Stones Rock” a una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Sesame Street”: i 50 anni dell’“altra” scuola americana

prev
Articolo Successivo

I benefici del sale? In miniera, ovviamente

next