Nell’estate del 1989, a pochi mesi dal crollo del Muro di Berlino, io mi stavo occupando del lento sfaldamento di un altro muro: l’Apartheid. Nell’agosto dell’89 mi trovavo in Sudafrica per L’Europeo. Nel mese successivo il nuovo presidente sudafricano De Klerk, che sostituiva l’ultraconservatore Botha, avrebbe annunciato la sua intenzione di abolire la discriminazione razziale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Miccoli stia a casa”. Palermo non perdona il bomber che chiamò “fango” Falcone

prev
Articolo Successivo

Quel ramo (cool) del lago di Como che volge agli Usa

next