Quando nel maggio del 2017 arrivai a Buenos Aires, decisi che avrei realizzato un sogno che nutrivo dall’infanzia: visitare la foresta subtropicale, al confine con Brasile e Paraguay, e incontrare gli indios Guaraní. Feci scalo con l’aereo a Iguazú e prenotai un albergo vicino alle cascate. Chiesi alla reception informazioni sul villaggio più vicino. Mi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Scompare il Titanic, ma solo in fondo al mare. Il ricordo del film è vivo e vegeto

prev
Articolo Successivo

Uno straniero di nome Fante

next