Ci sono blog specializzati per chi viaggia da solo, o senza soldi, o per chi non prende l’aereo. Ma per loro – i viaggiatori che non parlano altra lingua se non la propria, magari una lingua minore – poco o nulla invece, solo consigli sparsi, accompagnati da moralistiche raccomandazioni a mettersi a studiare. Eppure in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Gomorra e poi muori: guai a sparare a pancia vuota

prev
Articolo Successivo

A Bodrum noi stranieri accolti da un burqa

next