I presunti reati dei direttori dell’Azienda ospedaliera di Perugia, che manipolavano i concorsi per favorire i raccomandati della politica, secondo l’accusa, erano motivati dalla “volontà di ottenere, dai vertici politici regionali, la conferma dell’incarico dirigenziale”. “Proprio nel mese scorso – scrivono i pm nella richiesta di misura cautelare in un passaggio anticipato ieri da La […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Meloni accarezza Salvini su tasse e Tav. L’obiettivo: sganciarlo dal Movimento

prev
Articolo Successivo

Le divise della Polizia sono “Made in Romania”

next