È il 5 aprile 1994 quando Kurt Cobain, rintanato nella sua villa di Seattle in Lake Washington Boulevard, si inietta in vena 1,52 milligrammi di eroina, mentre dalla finestra della sua stanza vede scorrere le verdi acque del Puget. Scrive un’ultima lettera, quella dell’addio, poi si punta la canna del fucile alla tempia mettendo fine […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Lo spietato” Padrino ai piedi della Madunina

prev
Articolo Successivo

Scoprire Cinecittà. Dal divano

next