La drammatica vicenda del tentativo di strage di un cittadino italiano con origini senegalesi contro un gruppo di ragazzini mette a nudo l’arretratezza in cui si dimena quest’Italia provinciale sul tema della cittadinanza. La retorica di Rami Shehata eroe straniero meritevole della cittadinanza italiana è tanto insulsa quanto ipocrita. Nel II secolo d.C., prima del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Arriva il romanzo che visse due volte: lo scrittore traduce se stesso, in meglio

prev
Articolo Successivo

A volte basta un povero cormorano

next