Ètornato il tormentone della separazione delle carriere dei magistrati: da un lato i pubblici ministeri e dall’altro i giudici, a vita. Con due Consigli Superiori della Magistratura. Il caso vuole che il berlusconiano di ferro, e avvocato, Francesco Paolo Sisto abbia illustrato in commissione Affari costituzionali della Camera l’apposita legge di iniziativa popolare, proposta dall’Unione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

No al Tav e via la concessione ai Benetton: le condizioni di Dibba per tornare in campo

prev
Articolo Successivo

Quell’idea di Gelli da attuare dopo un golpe, poi adottata dal Psi di Craxi e da Berlusconi

next