Creato dalla startup statunitense Lora Dicarlo, con la collaborazione dell’Oregon State University, aveva tutte le caratteristiche per brillare all’International Consumer Electronics Show, la fiera statunitense dell’elettronica internazionale: si tratta di un vibratore grigioperla perfettamente simile a un pene, ma in grado di riprodurre, grazie al suo “mimetismo biometrico”, “tutta la gamma di sensazioni che possono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Messico violento, il professore italiano che insegna la pace

prev
Articolo Successivo

La Settimana Incom

next